IRPEF e Lavoro: il testo dei decreti approvati


Clicca il link per vedere le novità.

ciao.

piero.

http://www.pmi.it/impresa/normativa/news/77574/lavoro-il-testo-dei-decreti-approvati-2.html?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=Newsletter:+PMI.it&utm_content=24-04-2014+irpef-e-lavoro-il-testo-dei-decreti-approvati

Esodati Quinta Salvaguardia: istruzioni e modelli


Istruzioni per gli esodati della quinta salvaguardia che presentano domanda alle Dtl: la circolare del ministero con i modelli di domanda.

esodatiOnline le indicazioni operative e tutti i moduli per gli esodati tutelati dalla quinta operazione di salvaguardia, prevista dalla Legge di Stabilità 2014: le istruzioni sono contenute nella INPS n.10 del Ministero del Lavoro del 18 aprile, riguardano 17mila lavoratori rimasti senza stipendio e senza pensione dopo la riforma delle pensioni e la norma di riferimento è la legge 147/2013 (commi 194 e 196), regolamentata dal DM 14 febbraio 2014 in Gazzetta Ufficiale del 16 aprile.

=> I dettagli sulla quinta salvaguardia

Attenzione: le istruzioni riguardano solo i lavoratori che devono presentare richiesta alle Dtl (Direzioni territoriali del lavoro), e non i salvaguardati dallo stesso provvedimento che presentano domanda direttamente all’INPS. Vediamo tutto.

 

Domanda Dtl

Devono rivolgersi alle Direzione territoriale del lavoro i lavoratori esodati previsti dalle lettere b,c,d, dell’articolo 2 del DM 14 febbraio. La domanda va presentata entro 60 giorni dalla data di pubblicazione del decreto in Gazzetta, quindi entro il 16 giugno 2014 (sarebbe il 15 ma è domenica), con modalità diverse a seconda delle tipologie di lavoratori:

  • 400 lavoratori firmatari di accordi individuali o collettivi di incentivo all’esodo che hanno risolto il rapporto di lavoro entro il 30 giugno 2012, anche se hanno svolto dopo questa data attività lavorative non riconducibili a rapporti a tempo indeterminato: se l’accordo è collettivo, devono presentare domanda alla Dtl presso la quale l’intesa è stata sottoscritta. Se l’accordo è individuale, la domanda va presentata alla Dtl competente per territorio. Devono allegare l’accordo sindacale.
  • 500 firmatari di accordi individuali o collettivi che hanno risolto il rapporto di lavoro dopo il 30 giugno 2012 ma entro il 31 dicembre dello stesso anno (pur se hanno successivamene svolto altre attività senza contratto a tempo indeterminato). Come nel caso precedente, se l’accordo è collettivo l’istanza è indirizzata alla Dtl presso la quale è stato sottoscritto, altrumenti a quella competente per territorio. L’accordo va allegato.
  • 5200 lavoratori licenziati fra il primo gennaio 2007 e il 31 dicembre 2011 che dopo la cessazione hanno svolto altre attività non a contratto indeterminato. L’istanza va sempre presentata alla Dtl competente in base alla residenza del lavoratore.

A visionare le domande saranno specifiche commissioni, formate in base a quanto previsto dal decreto interministeriale: i dirigenti responsabili delle Dtl devono immediatamente attivarsi per perdisporle in tempo utile.

Le istanze possono essere presentate via PEC (posta elettronica certificata), agli indirizzi destinati a questo utilizzo (qui l’elenco), o per raccomandata con ricevutta di ritorno. Tutte le operazioni che riguardano l’organizzazione degli uffici delle Dtl e la formazione delle commissioni vanno terminate entro il 16 maggio («la puntuale realizzazione delle attività richieste» incide sulla valutazione delle performance).

I modelli

Allegati alla circolare ci sono: il modello di istanza di ammissione al beneficio (scaricalo); tre modelli per la dichiarazione sostitutiva di autocertificazione (uno per ogni diversa tiplogia di salvaguardato), con i quali si autodichiara di non esercitare altre attività con contratto dipendente a tempo indeterminato (salvaguardati lettera b  – lettera c –  lettera d);due modelli relativi all’accoglimento delle istanze da parte della commissione, uno per esito positivo e l’altro per l’eventuale esito negativo.

Domanda INPS

Ricordiamo che tutti gli altri lavoratori salvaguardati dalla Legge di Stabilità presentano domanda direttamente all’INPS entro il termine del 16 giugno 2014, ma si attendono ancora le istruzioni operative. Ecco la plaeta dei beneficiari (lettere a,e,f, dell’articolo 2 del DM):

  • 900 lavoratori autorizzati alla contribuzione volontaria prima del 4 dicembre 2011, che possono far valere almeno un contributo accreditato o accreditabile entro il successivo 6 dicembre 2011, anche se hanno poi svolto altre attività (che non possono essere con contratto dipendente a tempo indeterminato).
  • 1.000 lavoratori collocati in mobilità entro il 4 dicembre 2011 e autorizzati alla prosecuzione volontaria successivamente a questa data che, raggiungano i requisiti per la pensione con le regole per riforma entro sei mesi dalla fine della mobilità.
  • 9mila lavoratori autorizzati alla prosecuzione volontaria dei contributi prima del 4 dicembre 2011 con almeno un contributo accreditato derivante da effettiva attività lavorativa fra il primo gennaio 2007 e il 30 novembre 2013 (purchè entro questa data non abbiano avuto alcun contratto a tempo indeterminato).

Fonte: Circolare MinLavoro

Gestione separata INPS: cosa cambia nel 2014


Cliccate sul link di PMI Notizie e informazioni su lavoro,  pensioni, fisco, casa, ecc. Contiene molte informazioni utili.:

http://www.pmi.it/impresa/contabilita-e-fisco/articolo/77113/gestione-separata-inps-cosa-cambia-nel-2014.html?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=Newsletter:+PMI.it&utm_content=22-04-2014+gestione-separata-inps-cosa-cambia-nel-2014

Ciao.

piero.

[Nuovo articolo] AGGIORNAMENTO DISCIPLINA ISCRIZIONE LISTA E INDENNITA’ MOBILITA’ SEGUITO MODIFICHE LEGGI 92/12 e 134/12


francescocolaci ha pubblicato:” CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE La disciplina sull’iscrizione in lista di mobilita’ e  sulla  relativa indennita’  si basa principalmente  sulla legge n.223/1991 ,cui nel tempo si sono aggiunte altre disposizioni normative, sino a quelle previste dalle le”

CAMERA SI APPRESTA CONVERTIRE CON MODIFICHE DECRETO LEGGE 34/14


francescocolaci ha pubblicato:”In  Commissione Lavoro della Camera prosegue spedito  l’esame  del  decreto  di cui al   titolo,tanto da far prevedere che  la sua conversione in legge (in prima lettura) sia votata  subito dopo le festivita’ pasquali,registrando alcune modifiche ed integ”

DECRETO MINISTERIALE RELATIVO QUINTO CONTINGENTE PENSIONAMENTO SALVAGUARDATI


francescocolaci ha pubblicato:”Di seguito si riporta il decreo ministeriale di cui al titolo,che concerne un contingente di 17 mila unita’ ,che potranno essere collocate  in pensione sendo i requisiti previsti dalle norme previgenti alla legge Fornero. ——————————”

TAR LAZIO ACCOGLIE RICORSO ANFFAS AVVERSO ISTRUZIONI INPS PER VERIFICHE BENEFICIO ECONOMICI INVALIDITA’CIVILE ,CECITA’0 E SORDITA”


francescocolaci ha pubblicato:”Con la sentenza sottoriportata risulta accolto il ricorso presentato  dall’Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale (A.N.F.F A.S.) cvontro  i messaggi con cui l’INPS    ha fornito alle proprie strutture territ”

http://francescocolaci.wordpress.com/2014/04/17/inpsindicazioni-per-contribuzione-volontaria-2014/


Direzione Centrale Entrate

Roma, 16/04/2014

Circolare n. 51

Ai Dirigenti centrali e periferici

Ai Responsabili delle Agenzie

Ai Coordinatori generali, centrali e

periferici dei Rami professionali

Al Coordinatore generale Medico legale e

Dirigenti Medici

e, per conoscenza,

Al Commissario Straordinario

Al Presidente e ai Componenti del Consiglio di

Indirizzo e Vigilanza

Al Presidente e ai Componenti del Collegio dei

Sindaci

Al Magistrato della Corte dei Conti delegato

all’esercizio del controllo

Ai Presidenti dei Comitati amministratori

di fondi, gestioni e casse

Al Presidente della Commissione centrale

per l’accertamento e la riscossione

dei contributi agricoli unificati

Ai Presidenti dei Comitati regionali

Ai Presidenti dei Comitati provinciali

Allegati n.1

OGGETTO: Contributi volontari anno 2014: lavoratori dipendenti non agricoli,

lavoratori autonomi ed iscritti alla Gestione separata.

SOMMARIO:

1. Versamenti volontari dei lavoratori dipendenti non agricoli.

2. Versamenti volontari degli iscritti all’evidenza contabile separata del

FPLD e degli iscritti al Fondo Volo e Fondo dipendenti Ferrovie dello

Stato S.p.A.

3. Contributi volontari dovuti dagli iscritti al Fondo speciale Istituto

Postelegrafonici (ex-IPOST)

4. Coefficienti di ripartizione dei contributi volontari nel FPLD.

5. Versamenti volontari nelle gestioni Artigiani e Commercianti.

6. Versamenti volontari nella Gestione separata.

1. Versamenti volontari dei lavoratori dipendenti non agricoli.

L’ISTAT ha comunicato la variazione percentuale nell’indice dei prezzi al consumo, per le

famiglie degli operai e degli impiegati, verificatasi tra il periodo gennaio 2012 – dicembre 2012

ed il periodo gennaio 2013 – dicembre 2013, pari al 1,10%.

Ai sensi dell’art. 7, comma 2, del D.Lgs. n. 184/97 dispone che l’importo minimo settimanale

della retribuzione su cui calcolare il contributo volontario non può essere inferiore a quello

determinato ai sensi dell’art. 7, comma 1, della legge n. 638/1983, e successive modificazioni.

Sulla base della variazione dell’indice ISTAT, pertanto, per l’anno 2014:

la retribuzione minima settimanale è pari a € 200,35;

la prima fascia di retribuzione annuale oltre la quale è prevista l’applicazione dell’aliquota

aggiuntiva dell’1% (art. 3 L. 438/92) è di € 46.031,00;

il massimale di cui all’art. 2, comma 18, della Legge 335/1995, da applicare ai

prosecutori volontari titolari di contribuzione non anteriore al 1° gennaio 1996 o che,

avendone il requisito, esercitino l’opzione per il sistema contributivo, è di € 100.123,00.

Per l’anno 2014 non si è verificata alcuna variazione dell’aliquota IVS dovuta al Fondo pensioni

lavoratori dipendenti rispetto all’anno 2013, che si conferma quindi pari al 32,37%.

Conseguentemente, non sono variati i coefficienti di ripartizione dei contributi versati.

L’aliquota IVS relativa ai lavoratori dipendenti non agricoli, autorizzati alla prosecuzione

volontaria con decorrenza compresa entro il 31/12/1995, è confermata pari al 27,87%

(allegato 1).

Nella tabella che segue si riportano – per anno solare dal 2014 al 1997 – i minimali di

retribuzione settimanale, gli importi della prima fascia di retribuzione annuale (tetto

pensionabile), i massimali di cui all’art. 2, comma 18, della Legge 335/1995 e le aliquote

contributive IVS relative ai lavoratori dipendenti non agricoli autorizzati dopo il 31/12/1995.

Anno Retr. minima

settimanale

Prima fascia

retribuzione annua

Massimale art. 2

co.18, L. 335/95

Aliquota

IVS

2014 € 200,35 € 46.031,00 € 100.123,00 32,37%

2013 € 198,17 € 45.530,00 € 99.034,00 “

2012 € 192,40 € 44.204,00 € 96.149,00 31,87%

2011 € 187,34 € 43.042,00 € 93.622,00 “

2010 € 184,39 € 42.364,00 € 92.147,00 31,37%

2009 € 183,10 € 42.069,00 € 91.507,00 “

2008 € 177,42 € 40.765,00 € 88.669,00 30,87%

2007 € 174,46 € 40.083,00 € 87.187,00 “

2006 € 171,03 € 39.297,00 € 85.478,00 30,07%

2005 € 168,17 € 38.641,00 € 84.049,00 “

2004 € 164,87 € 37.883,00 € 82.401,00 29,57%

2003 € 160,85 € 36.959,00 € 80.391,00 “

2002 € 157,08 € 36.093,00 € 78.507,00 29,07%

2001 £ 296.140 £ 68.048.000 £ 148.014.000 “

2000 £ 288.640 £ 66.324.000 £ 144.263.000 28,57%

1999 £ 284.100 £ 65.280.000 £ 141.991.000 “

1998 £ 279.080 £ 64.126.000 £ 139.480.000 28,17%

1997 £ 274.420 £ 63.054.000 £ 137.148.000 28,37%

2. Contributi volontari dovuti dagli iscritti nell’evidenza contabile separata del FPLD

e dagli iscritti al Fondo Volo e Fondo Dipendenti Ferrovie dello Stato S.p.A.

Gli iscritti all’evidenza contabile separata del FPLD (Autoferrotranvieri, Elettrici, Telefonici e

dirigenti ex INPDAI) e al Fondo dipendenti Ferrovie dello Stato S.p.A. continuano a versare la

stessa aliquota vigente per la contribuzione obbligatoria, pari al 33,00 %.

Per i prosecutori volontari nel Fondo Volo restano invariate le aliquote contributive

differenziate in relazione alla data di iscrizione al Fondo, all’anzianità complessivamente

maturata, anche in gestioni diverse, al 31 dicembre 1995 e all’adesione ai fondi

complementari:

per i soggetti iscritti al Fondo con più di 18 anni di anzianità contributiva alla data del

31/12/1995, o anche con meno di 18 anni di anzianità contributiva se non hanno

aderito ai fondi complementari, si conferma l’aliquota del 40,82%;

per i soggetti iscritti al Fondo, con meno di 18 anni di anzianità contributiva al

31/12/1995, che hanno aderito ai Fondi complementari, l’aliquota da applicare è pari al

37,70% (a seguito della riduzione prevista dall’art. 1 del D.Lgs.164/1997);

per i soggetti iscritti al Fondo Volo dopo il 31/12/1995 e che risultino privi di anzianità

contributiva in qualsivoglia gestione, come disposto con messaggio n. 21166 del 21

dicembre 2012, l’aliquota contributiva da applicare è quella prevista per gli iscritti

obbligatori del FPLD (33,00%), maggiorata del contributo addizionale previsto dall’art. 1,

comma 7, del D.Lgs. 24 aprile 1997, n. 164 (5%), ed è pari al 38,00%.

Per individuare l’aliquota dovuta si deve fare riferimento al codice “tipo lavoratore” indicato

nelle denunce annuali e/o mensili:

X3 = aliquota IVS del 40,82%

Y3 = aliquota IVS del 37,70%

Z3 = aliquota IVS del 38,00%

3. Contributi volontari dovuti dagli iscritti al Fondo speciale Istituto Postelegrafonici

(ex-IPOST)

Per l’anno 2014 non si è verificata alcuna variazione dell’aliquota IVS dovuta dagli iscritti al

Fondo speciale Istituto Postelegrafonici rispetto all’anno 2013, che si conferma quindi pari al

32,65%.

4. Coefficienti di ripartizione dei contributi volontari nel FPLD

Si riportano di seguito le tabelle di ripartizione dei contributi volontari versati nell’anno 2014,

relative ai soggetti – distinti per categoria – autorizzati con decorrenza compresa entro il 31

dicembre 1995 ovvero con decorrenza successiva a tale data.

CONTRIBUTI VOLONTARI (autorizzati entro il 31 dicembre 1995)

Decorrenza 1° gennaio 2014

CATEGORIE ALIQUOTE %

COEF. RIPARTO

BASE QUOTA PENSIONE TOTALE

IVS

LAVORATORI DIPENDENTI

non agricoli (esclusi domestici)

Aliquota

Coefficienti

0,11%

0,003947

27,76%

0,996053

27,87%

1,000000

AGRICOLI DIPENDENTI Aliquota

Coefficienti

0,11%

0,003915

27,99%

0,996085

28,10%

1,000000

PESCATORI soggetti

alla legge 250/58

Aliquota

Coefficienti

0,11%

0,010506

10,365%

0,989494

10,47%

1,000000

LAVORATORI occupati in

cantieri di lavoro

Aliquota

Coefficienti

0,11%

0,010055

10,83%

0,989945

10,94%

1,000000

DOMESTICI Aliquota

Coefficienti

0,1375%

0,010579

12,86%

0,989421

12,9975%

1,000000

CONTRIBUTI VOLONTARI (autorizzati dopo il 31 dicembre 1995)

Decorrenza 1° gennaio 2014

CATEGORIE ALIQUOTE %

COEF. RIPARTO

BASE QUOTA PENSIONE TOTALE

IVS

LAVORATORI DIPENDENTI

non agricoli (esclusi domestici)

Aliquota

Coefficienti

0,11%

0,003398

32,26%

0,996602

32,37%

1,000000

AGRICOLI DIPENDENTI Aliquota

Coefficienti

0,11%

0,003915

27,99%

0,996085

28,10%

1,000000

PESCATORI soggetti

alla legge 250/58

Aliquota

Coefficienti

0,11%

0,007383

14,79%

0,992617

14,90%

1,000000

LAVORATORI occupati in

cantieri di lavoro

Aliquota

Coefficienti

0,11%

0,007550

14,46%

0,992450

14,57%

1,000000

DOMESTICI Aliquota

Coefficienti

0,1375%

0,007890

17,29%

0,992110

17,4275%

1,000000

5. Artigiani e Commercianti

Il contributo dovuto dai soggetti autorizzati alla prosecuzione volontaria nelle gestioni degli

Artigiani e degli Esercenti attività commerciali viene determinato, come è noto, secondo i

criteri in vigore dal 1° luglio 1990, stabiliti dall’art. 3 della legge 2 agosto 1990, n. 233 e

successive modifiche e integrazioni (v. circolare n. 96 del 2003).

La relativa contribuzione volontaria si determina applicando le aliquote stabilite per il

versamento dei contributi obbligatori al reddito medio di ciascuna delle otto classi di reddito

previste dalla citata norma. La classe di reddito da attribuire a ciascun lavoratore è quella il cui

reddito medio è pari o immediatamente inferiore al valore medio mensile dei redditi prodotti

negli ultimi 36 mesi di attività.

L’importo dei contributi volontari degli artigiani e degli esercenti attività commerciali per il

corrente anno dovrà essere calcolato con le seguenti aliquote:

Artigiani Commercianti

titolari di qualunque età e collaboratori di età superiore ai 21 anni 22,20 % 22,29 %

collaboratori di età non superiore ai 21 anni 19,20 % 19,29 %

Sulla base delle predette aliquote e dei valori reddituali aggiornati, sono state predisposte le

tabelle di contribuzione che seguono, da applicare con effetto dal 1° gennaio 2014. I valori

sono stati definiti arrotondando all’unità di euro gli importi dei redditi che delimitano le otto

classi di contribuzione e gli importi dei redditi medi imponibili, al centesimo di euro gli importi

di contribuzione mensile relativi alle predette classi.

ARTIGIANI

Classi di reddito ai fini della prosecuzione volontaria

(Decorrenza 1/1/2014)

Classi di reddito Reddito medio imponibile Contribuzione mensile

22,20 % 19,20 %

1 Fino a € 15.516 15.516 287,05 248,26

2 da € 15.517a € 20.602 18.060 334,11 288,96

3 da € 20.603 a € 25.688 23.146 428,20 370,34

4 da € 25.689 a € 30.774 28.232 522,29 451,71

5 da € 30.775 a € 35.860 33.318 616,38 533,09

6 da € 35.861 a € 40.946 38.404 710,47 614,46

7 da € 40.947 a € 46.030 43.489 804,55 695,82

8 da € 46.031 46.031 851,57 736,50

COMMERCIANTI

Classi di reddito ai fini della prosecuzione volontaria

(Decorrenza 01/01/2014)

Classi di reddito Reddito medio imponibile Contribuzione mensile

22,29% 19,29%

1 Fino € 15.516 15.516 288,21 249,42

2 da € 15.517 a € 20.602 18.060 335,46 290,31

3 da € 20.603 a € 25.688 23.146 429,94 372,07

4 da € 25.689 a € 30.774 28.232 524,41 453,86

5 da € 30.775 a € 35.860 33.318 618,88 535,59

6 da € 35.861 a € 40.946 38.404 713,35 617,34

7 da € 40.947 a € 46.030 43.489 807,81 699,09

8 da € 46.031 46.031 855,03 739,95

Si precisa che la classe di reddito da attribuire è quella il cui reddito medio è pari o

immediatamente inferiore alla media dei redditi sui quali sono stati versati i contributi negli

ultimi tre anni. Detta media va quindi rapportata ai soli importi indicati sub “reddito medio

imponibile”.

6. Gestione separata

L’importo del contributo volontario dovuto alla Gestione Separata deve essere determinato in

base alle disposizioni di cui all’art. 7 del D. Lgs. n. 184/1997, cioè applicando all’importo medio

dei compensi percepiti nell’anno di contribuzione precedente alla data della domanda,

l’aliquota IVS di finanziamento della Gestione.

Ai fini della determinazione del contributo volontario deve essere presa in considerazione

esclusivamente l’aliquota IVS vigente per i soggetti privi di altra tutela previdenziale e non

titolari di pensione pari, per l’anno 2014, al 27% per i professionisti ed al 28% per i

collaboratori e figure assimilate, come peraltro indicato nella circolare n. 18 del 04/02/2014.

Poiché nel 2014 il minimale per l’accredito contributivo è fissato in € 15.516,00, per il

medesimo anno l’importo minimo dovuto dai prosecutori volontari della Gestione separata non

potrà essere inferiore a € 4.189,32 su base annua e € 349,11 su base mensile per quanto

concerne i professionisti e a € 4.344,48 su base annua e € 362,04 su base mensile per quanto

concerne tutti gli altri iscritti.

Qualora il richiedente abbia contribuzione sia come professionista e sia come collaboratore o

assimilato, al fine della determinazione della categoria da attribuire quale prosecutore

volontario, si dovrà fare riferimento a quanto disposto dall’ art. 8, comma 10, del Decreto del

Presidente della Repubblica 31 dicembre 1971, n. 1432.

Al riguardo si rimanda a quanto in merito chiarito con la circolare n. 53 del 12 aprile 2006.

Poiché la contribuzione obbligatoria viene accreditata su base mensile, anche il contributo

volontario dovrà essere calcolato per mese e poi versato per trimestri solari, alle scadenze

previste per la generalità dei soggetti autorizzati:

– 30 giugno 2014 per il 1° trimestre 2014 (gennaio – marzo)

– 30 settembre 2014 per il 2° trimestre 2014 (aprile – giugno)

– 31 dicembre 2014 per il 3° trimestre 2014 luglio – settembre)

– 31 marzo 2015 per il 4° trimestre 2014 (ottobre – dicembre)

Il Direttore Generale

Nori

Sono presenti i seguenti allegati:

Allegato N.1

Cliccare sull’icona “ALLEGATI” per visualizzarli.

 

pietrolettig

ogni giorno!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: