Accordo Sindacati Governo sulla Riforma delle Pensioni


Non un vero accordo ma un verbale di intesa su una serie di punti condivisi in vista della Riforma Pensioni inserita in Legge di Stabilità: APE (anticipo pensionistico a 63 anni); pensione anticipata per lavoratori precoci; aumento dell’assegno ed estensione platea per la quattordicesima ai pensionati a basso reddito; ulteriori interventi per complessivi 6 miliardi in tre anni.

«Abbiamo concluso questa fase con la sigla di un verbale che rappresenta la sintesi di un lavoro che abbiamo giudicato importante».

Lo ha dichiarato il Ministro Giuliano Poletti, al termine di un vertice a cui hanno partecipato anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Tommaso Nannicini, e i segretari generali confederali Susanna Camusso, Cgil, Annamaria Furlan, Cils, e Carmelo Barbagallo, Uil.

APE

L’anticipo pensionistico APE è destinato – come già noto – a chi si ritira con 63 anni di età, quindi con 3 anni e sette mesi di anticipo sull’età pensionabile, con un trattamento che verrà poi restituito con rate ventennale quando si matura la pensione piena; è erogato dall’INPS ma finanziato dalle banche. Nel caso di crisi aziendali, il trattamento di pensione anticipata è a carico dell’azienda.

E’ stato stabilito che sotto una determinata soglia di reddito, sarà a carico dello Stato e il pensionato non dovrà restituire nulla. Secondo quando si apprende, però, l’intesa non prevede ancora un tetto definitivo (la richiesta sindacale è 1.600 – 1.700 euro al mese, la proposta del Governo intorno ai 1.500 euro).

Pensioni minime

La quattordicesima sarà estesa ai pensionati con reddito fino a 1.000 euro al mese, rivolgendosi a una platea di 3,3 milioni di ex lavoratori (1,2 in più rispetto all’attuale, che comprende le pensioni fino a 750 euro al mese). Previsto anche un aumento dell’assegno intorno al 30% per coloro che già percepiscono la quattordicesima, in base agli scaglioni di contributi versati.

Lavoratori precoci

Sono definiti lavoratori precoci coloro che avevano almeno 12 mesi di contributi prima dei 19 anni di età: potranno accedere alla pensione con 41 anni di contributi se rientrano in una serie di categorie precisamente identificate (disoccupati di lunga durata, persone disabili, lavoratori con mansioni usuranti).

Fra le altre misure, si segnala l’impegno per l’eliminazione della ricongiunzione onerosa dei contributi.

Informazioni su plhttps://pietrolettig.wordpress.comConsulenza e tutela gratuita in materia di previdenza, pensioni e sicurezza sociale in collaborazione con la CGIL di Trieste. Calcoli e previsioni sulla decorrenza e l'importo delle prestazioni previdenziali, tramite i materiali e gli strumenti informatici ufficialmente rilasciati dall'INPS, ex INPDAP, CGIIL, SPI e PATRONATO INCA. Approfondimenti ed esercitazioni sui linguaggi di sviluppo software. Esperienza ormai quarantennale acquisita come operatore del Patronato INCA-CGIL. Tel. ufficio: 040 3788 236 con segreteria per appuntamenti, lasciando nome e numero di telefono per essere richiamati appena possibile. Fax: 040 772474. Posta elettronica: pierlebed@gmail.com Orari: dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19. La consulenza è totalmente gratuita ad iscritti e non iscritti al sindacato. Si gradisce comunque l'eventuale affiliazione volontaria alla CGIL. La tutela può essere fornita anche in modo interattivo per coloro che utilizzano strumenti informatici ( computer, tablet, smatphone. ecc.).

OK!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.