APE Sociale e legge di stabilità


APE sociale: ecco gli esclusi

Requisiti pensione 2017-2019

Pensione anticipata nella Legge di Stabilità 2017: APE sociale con 30 anni di contributi o 36 anni per lavori usuranti e gravosi, precoci a quota 41 ammessi solo se con gli altri requisiti di categoria.

 

Requisiti troppo rigidi per l’APE sociale: la Legge di Stabilità 2017 approvata in CdM il 15 ottobre (schema di Legge di Bilancio) ha confermato quanto lamentato dalla Cgil al termine del vertice del 14 ottobre sulla Riforma Pensioni. Il requisito anagrafico è lo stesso dell’APE volontario: 63 anni e 7 mesi mentre quello contributivo è molto più stringente.

Se per l’APE volontario (a carico del lavoratore) bastano 20 anni di contributi versati, l‘asticella contributiva per l’accesso alla prestazione sociale (a carico dello Stato) è pari a 30 anni di contributi versati:

  • per disoccupati senza ammortizzatori sociali,
  • per disabili e parenti di primo grado e conviventi di disabili.

I contributi necessari salgono a 36 anni nel caso di contribuenti in costanza di lavoro che svolgono attività usuranti e gravose (almeno gli ultimi 6 anni di contributi versati devono riguardare attività pesanti). Un requisito fin troppo stringente rispetto ai 20 anni necessari per l’APE volontario. Ricordiamo che le categorie di lavori pesanti che hanno accesso all’APE sociale, oltre a quelle che già erano classificate come attività usuranti, sono state identificate:

  • edilizia,
  • marittimi,
  • alcune categorie di infermieri,
  • scavatori,
  • facchini,
  • macchinisti,
  • autisti di mezzi pesanti,
  • maestri scuole dell’infanzia.

Stringenti anche i requisiti per i lavoratori precoci, che potranno accedere alla pensione anticipata con 41 anni di contributi solo disoccupati senza ammortizzatori / disabili o con disabili a carico / impegnati in attività usurante.

Non solo: l’APE è a carico dello Stato (non è dovuta nessuna restituzione del prestito pensionistico) – dunque a costo zero – solo per pensioni fino a 1.500 euro lorde, mentre per redditi previdenziali più alti intervengono le rate di restituzione limitatamente alla somma eccedente.

Secondo le stime del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Tommaso Nannicini, nell’APE Sociale rientreranno ”circa 35mila persone l’anno”, a cui si aggiungono 25mila precoci che agganceranno la pensione con 41 anni di contributi. Stime alternative, tuttavia, limitano a soli 25mila contribuenti il perimetro dei beneficiari. Riassume Nannicini, in relazione alle critiche della Cgil:

«sulla previdenza ci saranno 7 miliardi, quindi più dei 6 annunciati. E anche la Cgil condivide sei misure: cumulo, precoci, usuranti, penalizzazioni, 14esima, no tax area, mentre esprime riserve su due, APE e APE sociale».

Quali che siano le cifre corrette, sicuramente la platea è limitata dall’introduzione del paletto contributivo. Tra gli esclusi della Riforma Pensioni, almeno per adesso, sembrano esserci anche i potenziali beneficiari del cumulo gratuito dei contributi versati in diverse casse previdenziali: secondo le prime anticipazioni la misura riguarda solo i lavoratori INPS e non i professionisti o altre figure iscritti alle casse di categoria o gestioni separate non INPS.

 

 

Informazioni su plhttps://pietrolettig.wordpress.comConsulenza e tutela gratuita in materia di previdenza, pensioni e sicurezza sociale in collaborazione con la CGIL di Trieste. Calcoli e previsioni sulla decorrenza e l'importo delle prestazioni previdenziali, tramite i materiali e gli strumenti informatici ufficialmente rilasciati dall'INPS, ex INPDAP, CGIIL, SPI e PATRONATO INCA. Approfondimenti ed esercitazioni sui linguaggi di sviluppo software. Esperienza ormai quarantennale acquisita come operatore del Patronato INCA-CGIL. Tel. ufficio: 040 3788 236 con segreteria per appuntamenti, lasciando nome e numero di telefono per essere richiamati appena possibile. Fax: 040 772474. Posta elettronica: pierlebed@gmail.com Orari: dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19. La consulenza è totalmente gratuita ad iscritti e non iscritti al sindacato. Si gradisce comunque l'eventuale affiliazione volontaria alla CGIL. La tutela può essere fornita anche in modo interattivo per coloro che utilizzano strumenti informatici ( computer, tablet, smatphone. ecc.).

OK!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.