ecco i minimi INPS


Pensioni 2017 ferme: ecco i minimi INPS

Pensioni 2017 ferme, indice di rivalutazione pari a zero, rischio recupero perequazione 2014-2015 da aprile: fine del contributo di solidarietà pensionati con assegni alti.

Barbara Weizs

Le pensioni 2017 avranno gli stessi importi dell’anno scorso, gli indici di rivalutazione ufficialmente comunicati dall’INPS sono pari a zero, ma da aprile vengono trattenute le somme relative alla perequazione arretrata del biennio 2014-2015 (a meno che non intervenga un rinvio, ad esempio con il Milleproroghe). Una buona notizia riguarda invece le pensioni alte, superiori a 14 volte il minimo: fine del contributo di solidarietà applicato negli anni scorsi, l’assegno torna pieno. Vediamo nel dettaglio gli assegni 2017 per le diverse tipologie di pensioni, comunicati con la circolare 8/2017 dell’istituto di previdenza,  il calendario dei pagamenti, le novità sulla tassazione.

Iniziamo con le pensioni minime, ricordando che i relativi importi sono anche la base per l’individuazione di limiti di riconoscimento delle prestazioni collegate al reddito, e non solo. Per l’anticipo pensionistico APE, ad esempio, uno dei requisiti è che la pensione maturata sia pari ad almeno 1,4 volte il minimo. Ecco gli importi delle pensioni minime 2017:

  • lavoratori dipendenti e autonomi: 501,89 euro al mese. Importo annuo: 6.524,57.
  • Assegni vitalizi: 286,09 euro al mese, 3.719,17 euro annui.
  • Pensione sociale: 369,26 euro al mese, 4.800,38 euro annui.
  • Assegno sociale: 448,07 euro al mese, 5.824,91 euro annui.
  • Pensioni assegni a favore dei mutilati, invalidi civili, ciechi civili e sordomuti: 279,47 euro al mese.

Anche i limiti di reddito sono invariati:

  • reddito personale pensione sociale: 4.800,38 euro annui.
  • Reddito coniugale pensione sociale: 16.539,86 euro annui.
  • Reddito personale assegno sociale: 5.824,91 euro annui.
  • Reddito coniugale assegno sociale: 11.649,82 euro annui.
  • Reddito invalidi totali, ciechi e sordomuti: 16.532,10 annui.
  • Reddito invalidi parziali, minori: 4.800,38 euro annui.

I limiti di reddito per le sopra elencate pensioni invalidi si applicano anche agli assegni sociali sostitutivi dell’invalidità civile riconosciuta dopo il compimento di 65 anni e 7 mesi di età.

Per quanto riguarda le date di pagamento, sia alle Poste sia in banca, il termine è sempre il primo giorno del mese, con le seguenti eccezioni: per coloro che ricevono al pensione alle poste, in gennaio il pagamento è avvenuto il secondo giorno bancabile (il 3 gennaio), e saranno effettuati il 2 i versamenti di maggio, ottobre e novembre. Per coloro che ricevono la pensione sul conto corrente, in gennaio il versamento è stato effettuato il 3, e slitterà al 3 del mese anche in aprile e luglio, mentre verrà effettuato il 2 del mese in maggio, ottobre, novembre.

Attenzione: l’INPS deve ancora recuperare parte del conguaglio negativo 2014-2015. Il provvisorio prevedeva una rivalutazione dello 0,3%, il definitivo 2015 si è fermato a +0,2%, lo 0,1% da recuperare è stato differito al 2017 dalla Legge di Stabilità dell’anno scorso. Risultato: a partire dal prossimo mese di aprile, viene effettuato il conguaglio, distribuito su quattro rate. Non si esclude che nel Milleproroghe, in sede di conversione, venga inserito un emendamento che stabilisca un nuovo rinvio.

Infine, novità sulla tassazione. La Legge di Bilancio 2017 (comma 210) ha alzato la no tax area pensionati. Ecco come si applicano le detrazioni 2017:

  • pensione fino a 8mila euro: fino a 1880;
  • da 8mila a 15mila euro: detrazione di 1297 euro, a cui si aggiunge il prodotto fra 583 e il rapporto della differenza fra 15mila e il reddito con 7mila. L’equazione: 1297 + 583 x (15.000 – reddito)/7.000.
  • Da 15mila a 55mila euro: detrazione di 1297 euro moltiplicato per il rapporto fra la diferenza fra 55mila e il reddito e 40mila. L’equazione: 1297 x (55.000 – reddito) / 40.000.
  • Oltre 55mila euro: nessuna detrazione.
Informazioni su plhttps://pietrolettig.wordpress.comConsulenza e tutela gratuita in materia di previdenza, pensioni e sicurezza sociale in collaborazione con la CGIL di Trieste. Calcoli e previsioni sulla decorrenza e l'importo delle prestazioni previdenziali, tramite i materiali e gli strumenti informatici ufficialmente rilasciati dall'INPS, ex INPDAP, CGIIL, SPI e PATRONATO INCA. Approfondimenti ed esercitazioni sui linguaggi di sviluppo software. Esperienza ormai quarantennale acquisita come operatore del Patronato INCA-CGIL. Tel. ufficio: 040 3788 236 con segreteria per appuntamenti, lasciando nome e numero di telefono per essere richiamati appena possibile. Fax: 040 772474. Posta elettronica: pierlebed@gmail.com Orari: dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19. La consulenza è totalmente gratuita ad iscritti e non iscritti al sindacato. Si gradisce comunque l'eventuale affiliazione volontaria alla CGIL. La tutela può essere fornita anche in modo interattivo per coloro che utilizzano strumenti informatici ( computer, tablet, smatphone. ecc.).

OK!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.