Rimborso rivalutazioni: si decide il 24 ottobre


Rimborso rivalutazioni: si decide il 24 ottobre

 

La Corte Costituzionale decide sulla legittimità del decreto con cui nel 2015 il Governo stabilì il rimborso rivalutazioni pensioni 2012-2013 solo parziale: la vicenda.

Il decreto Poletti arriva davanti alla Corte Costituzionale, che nel prossimo autunno dovrebbe pronunciarsi sulla legittimità del provvedimento con cui il Governo stabilì una restituzione solo parziale della mancata rivalutazione 2012-2013 stabilita dalla Riforma Pensioni di fine 2011 e dichiarata illegittima dalla stessa Consulta. Le anticipazioni di stampa indicano nel 24 ottobre la data in cui si svolgerà l’udienza.
La Corte Costituzionale è chiamata a decidere sulla legittimità del decreto legge 65/2015 sul rimborso rivalutazioni pensione, con cui il governo recepì una precedente sentenza della stessa Consulta (70/2015), che aveva dichiarato illegittimo lo stop alla rivalutazione delle pensioni superiori a tre volte il minimo previsto dal dl 201/2011. Il decreto Poletti ha previsto un meccanismo di restituzione solo parziale di questa mancata rivalutazione, per chi ha una pensione compresa fra tre e sei volte il minimo, mentre ha confermato il blocco per i trattamenti superiori a questa soglia. I pensionati nell’agosto del 2015 hanno ricevuto una somma una tantum a titolo di rimborso per la mancata rivalutazione degli anni 2012 e 2013, ed è poi stato applicato un conseguente meccanismo di ricalcolo degli assegni 2014 e 2015
La sentenza della Corte aveva stabilito che il blocco rivalutazione pensioni sopra tre volte il minimo violasse i principi costituzionalmente garantiti di proporzionalità e adeguatezza delle pensioni. In passato, la Consulta aveva invece ritenuto ammissibili altre analoghe misure di blocco pensioni, come quella del 2008 sulla rivalutazione per le pensioni superiori a otto volte il minimo, perché riguardava trattamenti di importo abbastanza elevato da non determinare la violazione del principio di eguaglianza. Il successivo decreto del Governo aveva quindi stabilito il rimborso rivalutazioni, pur parziale, ai pensionati fino a 6 volte il minimo, ritenendo invece di non violare il principio di eguaglianza lasciando inalterato il blocco per i trattamenti di importo più elevato. Sulla legittimità di questo provvedimento è nuovamente chiamata a decidere la Corte.

Informazioni su plhttps://pietrolettig.wordpress.comConsulenza e tutela gratuita in materia di previdenza, pensioni e sicurezza sociale in collaborazione con la CGIL di Trieste. Calcoli e previsioni sulla decorrenza e l'importo delle prestazioni previdenziali, tramite i materiali e gli strumenti informatici ufficialmente rilasciati dall'INPS, ex INPDAP, CGIIL, SPI e PATRONATO INCA. Approfondimenti ed esercitazioni sui linguaggi di sviluppo software. Esperienza ormai quarantennale acquisita come operatore del Patronato INCA-CGIL. Tel. ufficio: 040 3788 236 con segreteria per appuntamenti, lasciando nome e numero di telefono per essere richiamati appena possibile. Fax: 040 772474. Posta elettronica: pierlebed@gmail.com Orari: dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19. La consulenza è totalmente gratuita ad iscritti e non iscritti al sindacato. Si gradisce comunque l'eventuale affiliazione volontaria alla CGIL. La tutela può essere fornita anche in modo interattivo per coloro che utilizzano strumenti informatici ( computer, tablet, smatphone. ecc.).

OK!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.