APe Sociale verso la stabilizzazione


APe Sociale verso la stabilizzazione

Il Governo ipotizza la stabilizzazione dell’APe Sociale e l’allargamento della platea a disoccupati e autonomi, mentre prosegue il dialogo sui correttivi alla Riforma Pensioni: misure allo studio e agenda dei lavori.

Nei prossimi giorni una conferenza dei servizi di Ministero del Lavoro e INPS farà una prima valutazione tecnica sulle eventuali criticità emerse sull’APe Sociale: in vista potrebbe esserci la stabilizzazione dello strumento di flessibilità in uscita. Lo ha dichiarato il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, in un question time alla Camera il 13 settembre, facendo riferimento non solo alla possibilità di rendere strutturale l’APe Social (attualmente previsto in via sperimentale fino al 31 dicembre 2018) ma anche di correggerlo, ampliando la platea a categorie di lavoratori fino ad ora esclu

Poletti non ha specificato  gli eventuali correttivi a cui il Governo sta pensando, limitandosi a sottolineare che in corso c’è:

«un confronto sulle organizzazioni sindacali, teso ad analizzare tutte le problematiche eventualmente non affrontate nella norma che potessero o dovessero essere corrette».

Su questo fronte, dopo gli incontri di inizio settembre è previsto un vertice decisivo in ottobre per fare chiarezza in vista della Legge di Stabilità: a quel punto ci sarà già il DEF, Documento di Economia e Finanza, quindi si potrà ragionare con maggiori dati sulle risorse disponibili.

Correttivi APe

I temi che sono emersi in queste settimane sull’APe Sociale, oggetto di potenziale modifica da parte dell’Esecutivo, riguardano l’allargamento della platea degli aventi diritto ad alcune tipologie di lavoratori fino ad ora esclusi:

  • gli autonomi
  • i disoccupati che non hanno diritto al sussidio o che non l’hanno percepito (la normativa prevede  che si debba aver terminato di percepire il trattamento di disoccupazione, quale che sia, seguito da un periodo di inoccupazione pari ad almeno tre mesi).

 

Altro tema sul tavolo: la valorizzazione della contribuzione estera per raggiungere i requisiti.

Riforma Pensioni

Nel frattempo, restano le altre questioni sul tavolo negoziale con i sindacati: lo stop agli adeguamenti automatici alle aspettative di vita (il prossimo scatto è previsto nel 2019), le future pensioni dei giovani, riconoscimento sul piano previdenziale del lavoro di cura delle donne. A questo proposito, ricordiamo che si sta studiano una misura che riguarda l’APe sociale, abbassando il requisito contributivo per le donne con figli. L”ipotesi è quella di uno sconto di sei mesi per ogni figlio, fino a un massimo di quattro figli (due anni).

Per riassumere

Le dichiarazioni del Ministro in Parlamento, per quanto diplomatiche, esprimono  la disponibilità del Governo a rendere permanente e definitiva l’APe Sociale amplie addirittura ampliarla. Poletti ha  aggiunto che nei prossimi giorni sarà effettuata una prima valutazione tecnica  seguita da una relazione in Parlamento, che servirà  a prendere decisioni sugli eventuali correttivi. Non è chiaro se le misure allo studio, dall’allargamento della platea all’eventuale stabilizzazione dell’APe Sociale, saranno inserite nella prossima manovra di Bilancio o se invece si seguirà un percorso diverso.

Informazioni su plhttps://pietrolettig.wordpress.comConsulenza e tutela gratuita in materia di previdenza, pensioni e sicurezza sociale in collaborazione con la CGIL di Trieste. Calcoli e previsioni sulla decorrenza e l'importo delle prestazioni previdenziali, tramite i materiali e gli strumenti informatici ufficialmente rilasciati dall'INPS, ex INPDAP, CGIIL, SPI e PATRONATO INCA. Approfondimenti ed esercitazioni sui linguaggi di sviluppo software. Esperienza ormai quarantennale acquisita come operatore del Patronato INCA-CGIL. Tel. ufficio: 040 3788 236 con segreteria per appuntamenti, lasciando nome e numero di telefono per essere richiamati appena possibile. Fax: 040 772474. Posta elettronica: pierlebed@gmail.com Orari: dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19. La consulenza è totalmente gratuita ad iscritti e non iscritti al sindacato. Si gradisce comunque l'eventuale affiliazione volontaria alla CGIL. La tutela può essere fornita anche in modo interattivo per coloro che utilizzano strumenti informatici ( computer, tablet, smatphone. ecc.).

OK!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.