RIESAME REQUISITO APE SOCIALE PER LE DOMANDE SCARTATE


Riesame INPS delle domande (scartate) avanzate da disoccupati e addetti a mansioni gravose che, a dopo un primo parere negativo, potrebbero essere riammessi all’APe Sociale o alla pensione anticipata precoci. Questo, in seguito a precise indicazioni ministeriali che, in data 13 ottobre – in risposta ad una richiesta di chiarimenti interpretativi avanzata dall’INPS il 9 ottobre – hanno chiesto all’istituto di applicare le due misure in modo più flessibile di quanto fatto. Il problema riguarda in particolare due tipologie di lavoratori.

  • Disoccupati che dopo gli ammortizzatori sociali hanno svolto giornate di lavoro senza però perdere lo status di disoccupazione. Poiché la norma richiede un trimestre di inoccupazione l’INPS ha rigettato le domande di APe Sociale e pensione anticipata precoci a coloro, anche a chi ha svolto un solo giorno di lavoro retribuito con voucher.
  • Lavori gravosi: il caso è scoppiato in seguito alle proteste della CGIL, che ha segnalato un’interpretazione INPS della normativa considerata eccessivamente restrittiva.

APe e Pensione a maglie larghe
Il Ministero:
«ha fornito i chiarimenti richiesti che permetteranno all’Istituto di applicare le due misure nella maniera più estesa e in sostanziale coerenza con le volontà espresse dal Parlamento», e «ha ricordato che l’INPS potrà applicare l’interpretazione suggerita anche al fine di rivedere in autotutela le decisioni eventualmente già assunte».

Riposta INPS:
«alla luce dei nuovi indirizzi interpretativi, l’INPS procederà al riesame delle istruttorie relative a tali categorie di lavoratori. In caso di eventuale esito positivo del riesame, sarà trasmesso d’ufficio agli interessati il provvedimento di certificazione del diritto al beneficio richiesto».

Informazioni su plhttps://pietrolettig.wordpress.comConsulenza e tutela gratuita in materia di previdenza, pensioni e sicurezza sociale in collaborazione con la CGIL di Trieste. Calcoli e previsioni sulla decorrenza e l'importo delle prestazioni previdenziali, tramite i materiali e gli strumenti informatici ufficialmente rilasciati dall'INPS, ex INPDAP, CGIIL, SPI e PATRONATO INCA. Approfondimenti ed esercitazioni sui linguaggi di sviluppo software. Esperienza ormai quarantennale acquisita come operatore del Patronato INCA-CGIL. Tel. ufficio: 040 3788 236 con segreteria per appuntamenti, lasciando nome e numero di telefono per essere richiamati appena possibile. Fax: 040 772474. Posta elettronica: pierlebed@gmail.com Orari: dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19. La consulenza è totalmente gratuita ad iscritti e non iscritti al sindacato. Si gradisce comunque l'eventuale affiliazione volontaria alla CGIL. La tutela può essere fornita anche in modo interattivo per coloro che utilizzano strumenti informatici ( computer, tablet, smatphone. ecc.).

OK!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.