APE SOCIALE: DOMANDE ENTRO IL 30 NOVEMBRE


APe sociale e precoci: domande fino al 30 novembre

L’INPS ha respinto il 70% delle domande di APe sociale e precoci, dunque ci sono le risorse per la pensione anticipata nel 2017 degli aventi diritto che hanno inoltrato domanda dopo 15 luglio o lo faranno entro il 30 novembre.

 

Barbara Weisz – 19 ottobre 2017

Il dato finanziario ancora non c’è ma i numeri comunicati dall’INPS non lasciano dubbi: gran parte delle domande di APe sociale e pensione anticipata precoci (percentuali intorno al 70%) sono state respinte. Non solo: anche con la lavorazione delle richieste arrivate dopo la data del 15 luglio, non si utilizzeranno tutte le risorse stanziate per il 2017. Questo.,anche dopo il riesame delle domande basato sui criteri più larghi, chiesti dal Ministero del lavoro dopo la protesta della Cgil per l’eccessivo numero di domande scartate. Le anticipazioni sono state fornite da Gabriella Di Michele, direttore generale INPS, in audizione in commissione Lavoro alla Camera dei Deputati, secondo cui, su oltre 66mila domande presentate, ne sono state respinte circa 44mila 306.
Si tratta dei primi risultati ufficiali comunicati dall’INPS relativi ad APe Sociale e pensione precoci. E hanno un significato fondamentale: per presentare domanda c’è tempo fino al 30 novembre. Il decreto attuativo prevede infatti che, se le domande arrivate entro il 15 luglio non esauriscono le risorse, l’INPS esamina anche quelle presentate successivamente, purché arrivate entro il 30 novembre.
=> APe e precoci, esito monitoragigo INPS
Domande respinte
Per quanto riguarda l’APe sociale, sono 25mila 895 le domande rigettate (il 64,89%) e 13mila 601 quelle accolte. Ci sono ancora domande in istruttoria per stabilire eventuali riammissioni in base ad alcuni punti controversi, sui quali come detto il ministero ha chiesto all’INPS di applicare criteri più flessibili.
Per quanto riguarda la pensione precoci le domande respinte sono state 18mila 411 domande, ossia ben il 70,13% delle 26mila 251 presentate.
Dunque, anche se venissero riammesse tutte le domande su cui è ripresa l’istruttoria, continuerebbero a essere ampiamente maggioritarie le richieste da parte di lavoratori ai quali in realtà non è stato certificato il requisito.

=> APE sociale e precoci, riesame domande INPS
Risorse ancora disponibili
Questo significa due cose:
tutti coloro che hanno presentato domanda entro il 15 luglio e hanno avuto al certificazione dei requisiti accedono all’APe sociale nel 2017, non si pone il problema dell’esaurimento delle risorse disponibili che avrebbe provocato uno slittamento al 2018;
l’INPS prenderà in considerazione anche le domande presentate dopo il 15 luglio 2017, perché la norma prevede la possibilità di esaminare queste richieste nel caso in cui quelle arrivate nei tempi previsti non esauriscano le risorse. Attenzione: la scadenza non è lontanissima, è il 30 novembre.
Secondo quanto confermato dal direttore generale INPS a Montecitorio, infatti, anche esaminando tutte le richieste arrivate dopo la scadenza del 15 luglio risulteranno sottoutilizzate le risorse stanziate.
=> APe social per donne e disoccupati, novità 2018
Significa, diciamolo, che per l’ennesima volta sono stati forniti dati sbagliati per determinare il rapporto platea dei potenziali beneficiari/risorse. Ricordiamo che in Legge di Bilancio sono già previsti allargamenti della platea di APe sociale e pensione anticipata precoci, per i disoccupati rimasti senza lavoro per scadenza del contratto a termine e per le donne con figli.

Informazioni su plhttps://pietrolettig.wordpress.comConsulenza e tutela gratuita in materia di previdenza, pensioni e sicurezza sociale in collaborazione con la CGIL di Trieste. Calcoli e previsioni sulla decorrenza e l'importo delle prestazioni previdenziali, tramite i materiali e gli strumenti informatici ufficialmente rilasciati dall'INPS, ex INPDAP, CGIIL, SPI e PATRONATO INCA. Approfondimenti ed esercitazioni sui linguaggi di sviluppo software. Esperienza ormai quarantennale acquisita come operatore del Patronato INCA-CGIL. Tel. ufficio: 040 3788 236 con segreteria per appuntamenti, lasciando nome e numero di telefono per essere richiamati appena possibile. Fax: 040 772474. Posta elettronica: pierlebed@gmail.com Orari: dal martedì al venerdì dalle 16 alle 19. La consulenza è totalmente gratuita ad iscritti e non iscritti al sindacato. Si gradisce comunque l'eventuale affiliazione volontaria alla CGIL. La tutela può essere fornita anche in modo interattivo per coloro che utilizzano strumenti informatici ( computer, tablet, smatphone. ecc.).

OK!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.