Legge di bilancio 2018 in approvazione al Senato.


 

Legge di Bilancio 2018.

Pensioni

L’APe volontaria è prorogata fino al 2019. Individuate 15 tipologie di lavoro gravoso esenti dallo scatto di cinque mesi di aumento età pensionabile : alle 11 che già avevano diritto all’APe Social  si aggiungono siderurgici, marittimi, pescatori e agricoli  a cui viene  estesa la possibilità di accedere all’APe Social e alla pensione anticipata precoci. Tali benefici vengono estesi anche ai disoccupati che hanno perso involontariamente il lavoro per scadenza del contratto a termine. Sono previsti sconti contributivi fino a due anni per le donne con figli per accedere all’APe social.

La rendita integrativa RITA  è utilizzabile da tutti i lavoratori iscritti ai fondi di previdenza complementare che abbiamo almeno 20 anni di contributi versati   a cui manchino al massimo cinque anni all’età pensionabile.

Il pagamento pensioni resta al primo giorno del mese . Unica eccezione per il prossimo gennaio: l’INPS ha già comunicato che verserà le pensioni il 3 gennaio.

Lavoro

Sconto contributivo del 50%, per un massimo di 36 mesi (tre anni) per le assunzioni a tempo indeterminato di giovani under 30. L’agevolazione si applica fino a un importo massimo di 3mila euro. E’ strutturale (quindi non si applica solo per un periodo limitato di tempo). Viene potenziata per il solo 2018 alle assunzioni di giovani fino al compimento dei 35 anni. C’è invece l’esonero contributivo per le assunzioni, sempre a tempo indeterminato, al Sud, si giovani fino a 35 anni oppure di adulti privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi. C’è poi un esonero contributivo triennale specifico per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali fino a 40 anni, per stimolare l’imprenditoria nel settore.

Bonus 80 euro.

Salgono leggermente le soglie di reddito che danno accesso al bonus di 80 euro al mese (di fatto, per incamerare l’aumento del rinnovo del contratto degli statali): 24mila 600 euro per avere il bonus pieno, che poi si riduce fino ad azzerarsi per chi supera i 26mila 600 euro.

 Formazione lavoro.

Per il 2018  un credito d’imposta al 40% per la formazione 4.0 dei lavoratori dipendenti  fino a un massimo di 300mila euro a impresa. E’ necessario che la formazione si prevista da accordi sindacali territoriali o aziendali. E’ incentivata solo la formazione sulle tecnologie 4.0, che sono chiaramente dettagliate dalla legge.

Altre misure.

Misure per la stabilizzazione di 18mila insegnanti precari. Diverse norme sugli ammortizzatori sociali, fra cui segnaliamo l’assegno di ricollocazione esteso ai lavoratori in cassa integrazione. Diventa più stringente la norma sull’equo compenso professionisti inserita nel decreto fiscale (e già in vigore): il compenso deve essere conforme ai criteri ministeriali.

Fisco

Prorogati il bonus ristrutturazione e riqualificazione energetica nella misura del 50 e 65%, con qualche rimodulazione (l’ecobonus scende al 50% per finestre e infissi, schermature solari, sostituzione impianti di climatizzazione invernale). Proroga anche per il bonus arredi destinati a immobili oggetto di ristrutturazione edilizia. Nuova detrazione al 36% per gli interventi su aree verdi, terrazzi e giardini privati: riguarda, nel dettaglio, interventi su aree scoperte private, realizzazione di impianti di irrigazione, pozzi, coperture a verde e giardini pensili. Infine, bonus sisma all’80%, che sale all’85% nei condomini.

Introdotta la web tax, che scatterà nel 2019: è un’imposta fissa pari al 3% che si applica alle transazioni online di servizi (quindi, non al commercio elettronico di prodotti). Riguarda solo coloro che effettuano almeno 3mila transazioni l’anno.

Sale a 4mila euro, dagli attuali 2mila 800, il reddito che consente di essere considerati figli a carico. Proroga della cedolare secca al 10% sugli affitti a canone concordato. Detraibilità al 19% degli abbonamenti ai mezzi pubblici, fino a un massimo di 250 euro, e deducibilità dei rimborsi del datore di lavoro sul tragitto casa-lavoro. Detrazione al 22% per gli studenti fuori sede in un comune ad almeno 100 chilometri km dall’università.

Dal 2019 la fatturazione elettronica diventa obbligatoria anche fra privati. Nel 2018 lo Spesometro resta semestrale (o annuale, a scelta del contribuente). Slitta al 2019 l’applicazione degli indici sintetici di affidabilità fiscale (SIA), nel 2018 restano gli studi di settore.

Il calendario fiscale viene semplificato: scadenza unificata al 23 luglio per la presentazione del 730 (indipendentemente dalle modalità di presentazione, diretta o tramite i Caf), con l’unica eccezione dell’invio tramite sostituti d’imposta, per cui la scadenza resta il 7 luglio. Slitta al 31 ottobre la presentazione del modello Redditi e della dichiarazione IRAP. Spesometro al 30 settembre.

Altre misure

  • Stop al pagamento degli stipendi in contanti: bisogna pagare tramite bonifico bancario, strumenti di pagamento elettrico, oppure, nel caso in cui l’impresa paghi in contanti, non può consegnare la somma direttamente al lavoratore ma deve passare attraverso uno sportello bancario o postale oppure compilare un assegno.
  • Bonus bebè anche nel 2018, ma solo per un anno (non più per i primi tre anni di vita del bambino). Resta a 80 euro al mese, oppure a 160 euro per le famiglie più disagiate.

APE IN L. STABILITA’


APe Social

Spetta con almeno 63 anni di età, 30 anni di contributi, o 36 nel caso dei lavori gravosi, al massimo tre anni e sette mesi alla pensione di vecchiaia. Categorie ammesse: disoccupati involontari che hanno terminato il sussidio da almeno tre mesi ( inseriti anche i lavoratori a cui è scaduto il contratto a termine, che nel 2017 sono rimasti esclusi), caregiver familiari, disabili, addetti a mansioni gravose.

Novità 2018

platea dei lavori gravosi: agli 11 già previsti si aggiungono marittimi, pescatori, lavoratori agricoli, siderurgici. L’allargamento della platea riguarda sia l’Ape Sociale sia la pensione anticipata precoci.

Donne con figli:sale a un anno per ogni figlio lo sconto sul requisito contributivo di accesso, fino a un massimo di due anni

 

FATE IL PIN DELL’INPS!


Vie conviene farlo!

Con il Vostro PIN INPS personale saremo in grado di tutelarvi più facilmente, farvi sapere quando e con quanto andrete in pensione.

Qui sotto i collegamenti ad alcune immagini che spero vi aiutino nella richiesta del PIN:

vai a:

–> INPS HOME PAGE

scegli la scheda Prestazione Il PIN online e clicca su ACCEDI.

 

Quindi ACCEDI AL SERVIZIO:

clicca sul collegamento qua sotto e accedi al servizio:

–> https://www.inps.it//nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=50272

Clicca su Servizio Desktop e su RICHIESTA PIN ON LINE

 –>https://www.inps.it//nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=50272&AccessModalService=1

 

Quindi vai su:

–> RICHIEDI IL PIN

Compila il tuo codice fiscale e indica la tua cittadinanza. Clicca su AVANTI e segui le istruzioni,

RICHIEDI IL TUO PIN

Testo da cercare Trova in INPS
/ Prestazioni e Servizi <div style=”float:left;”>Il broswser ha JavaScript disabilitato: è possibile effetuare la ricerca dalla <a href=”//www.inps.it//nuovoportaleinps/default.aspx”>Home Page</a>    </div>


<div><img src=’//www.inps.it/stat/piwik.php?idsite=1&rec=1&action_name=Pagina+con+Bussola’ style=’border:0′ alt=” ></div>

RICHIEDI IL TUO PIN

Codice Fiscale

Residenza
Italiana Estera