Regole del Cumulo per i PROFESSIONISTI.


Convenzioni attive
Il cumulo si esercita solo previa convenzione con l’INPS. Quasi tutti gli enti dei professionisti l’hanno già firmata: Enpam (medici), Inarcassa (architetti e ingegneri), Enpav (veterinari), Enpapi (infermieri), Eppi (periti industriali), Cipag (geometri), Enpaf (farmacisti), Enpap (psicologi).

Mancano: CNPADC (dottori commercialisti), ENPAB (biologi), ENPACL (consulenti del lavoro), ENPAIA (agricoli) ed EPAP (pluri-categoriale), Enasarco (che deve ancora armonizzare le proprie regole) e Cassa dei Notai (non ha ricevuto richieste di cumulo

Pensione con cumulo
Si possono utilizzare i versamenti effettuati presso diverse gestioni previdenziali per raggiungere un’unica pensione, anticipata o di vecchiaia, che viene calcolata pro quota in base alle regole di ciascun ente previdenziale coinvolto. L’operazione è gratuita e consente di agganciare sia la pensione di vecchiaia sia la pensione anticipata.

La pensione con cumulo non può avere decorrenza anteriore al primo febbraio 2017. Il trattamento pro quota spetta al raggiungimento dei requisiti previsti dalla Riforma Fornero e di quelli vigenti al momento della domanda.

Trattandosi comunque di un’unica pensione, tutti gli istituti connessi (perequazione automatica, integrazione al minimo, quattordicesima, maggiorazione sociale) vengono liquidati con riferimento al trattamento complessivo.

Il calcolo pro quota
Per il calcolo del pro quota, i giorni di iscrizione alle singole gestione si considerano nel seguente modo:

6 giorni equivalgono a una settimana e viceversa;
26 giorni equivalgono a un mese e viceversa;
68 giorni equivalgono a un trimestre e viceversa;
312 giorni equivalgono a un anno e viceversa.