Il Presidente dell’INPS Trittico si lamenta per il deficit causato all’INPS.


Il Presidente dell’INPS Trittico si lamenta per il deficit causato all’INPS dalla cassa integrazione erogata in seguito alla pandemia. Ma Trittico dimentica un paio di cosette:
-1- il fondo per la cassa integrazione viene finanziato dagli stessi datori di lavoro; in sostanza si tratta per l’INPS di una partita di giro e non di deficit.
2- Trittico non prende in considerazione i risparmi derivanti all’INPS dalla cessazione di moltissime pensioni causa morte Covid ( per essere cinici!). Anche laddove vi fossero delle pensioni di Riversibilità ci sarebbe comunque un risparmio per le casse dell’INPS.
3- L’evidente diminuzione della speranza di vita costituirà, comunque, un risparmio per le uscite future dell’INPS. Per non parlare della Cassa Unica Assegni Familiari o altro. Ciò non toglie nulla al plauso per i dipendenti dell’Istituto. La considerazione politica è che non si deve deviare l’attenzione dell’opinione pubblica dal quadro di insieme per portare l’acqua al proprio mulino. Il vero problema della pandemia per l’INPS è quello del lavoro, con minori entrate per contributi e con il conseguente sbilanciamento ( a breve termine ) del sistema a ripartizione tuttora vigente. Meglio sarebbe, anche per il sindacato, porre maggiore attenzione alla separazione del Bilancio dell’Assistenza da quello della Previdenza.

Legge delega che istituisce l’Assegno Unico Universale per i Figli (AUUF) a carico.


Il Senato ha approvato la legge delega che istituisce l’Assegno Unico Universale per i Figli (AUUF) a carico. La nuova legge prevede che tutte le famiglie (a prescindere dal reddito, che siano dipendenti, autonomi o disoccupati) ricevano ogni mese un contributo (in denaro o come credito d’imposta) da un minimo di 50 euro ad un massimo di 250 euro (a seconda delle fasce ISEE), per ciascun figlio a carico fino al diciottesimo anno di età del figlio. Sono previste maggiorazioni per i figli successivi al secondo, per le madri con meno di 21 anni e per i figli disabili (30-50%).

L’assegno può arrivare fino a 21 anni ma con importo ridotto, e solo se il figlio si iscrive all’università, svolge il Servizio civile o un lavoro a basso reddito, oppure se risulta disoccupato e in cerca di lavoro: in tutti questi casi, l’assegno unico universale viene erogato direttamente al giovane.

In generale, l’unico requisito per l’assegno unico è la residenza (anche fiscale) in Italia e la cittadinanza o il permesso di soggiorno.

Il Governo ha promesso di rendere operativa la nuova misura per famiglie non oltre luglio 2021, ma prima servono i decreti attuativi.

Il nuovo assegno unico sostituirà ì bonus, detrazioni per i figli a carico e assegni familiari. A partire dalle detrazioni IRPEF, ma anche benefici e prestazioni come il bonus bebè (l’assegno di natalità), gli 800 alla nascita (bonus mamma domani), gli ANF (Assegno al Nucleo Familiare) e l’assegno per il terzo figlio.

L’universalità dell’assegno va  a beneficio di coloro che fino ad oggi erano esclusi, mentre gli attuali beneficiari delle misure economiche per la genitorialità, ossia i dipendenti (che oggi hanno ANF e detrzioni in busta paga), perderanno una quota sostanziosa delle attuali agevolazioni. Tutto dipende però da quanto sarà messo sul piatto per finanziare la misura una volta che sarà a regime (e che sarà stata completata la riforma della tax expenditure).

Per non penalizzare gli attuali beneficiari servono altri 800 milioni . Alle risorse stanziate si potrebbero aggiungere interventi contenuti nel Recovery Plan.