Scadenza per la compilazione del modello LAV_US riferita alle attività usuranti.


La scadenza di marzo per la compilazione del modello LAV_US riferita alle attività usuranti dei dipendenti è prorogata al 30 maggio.
​A seguito dell’emergenza epidemiologica COVID-19 (Coronavirus), la scadenza per la compilazione del modello LAV_US per le attività lavorative svolte nell’anno 2019 è prorogata al 30 maggio 2020.

 

Richiesta online per la disoccupazione – Covid 19


Richiesta online per la disoccupazione, con regole ad hoc per causale Covid 19:
La richiesta  può essere compilata online. La prestazione spetta a tutti i lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro.

In base alla tipologia di contratto, si ha diritto alla DIS-COLL (collaboratori) o alla NASpI.
=> NASpI, guida ai requisiti

Di solito la richiesta all’INPS deve deve avvenire entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro
Per la domanda NASpI e DIS-COLL 2020 (a causa dell’emergenza Coronavirus) questo intervallo di tempo sale a 128 giorni. Questa regola vale per eventi di disoccupazione verificatisi dal primo gennaio al 31 dicembre 2020.

Per gli aventi diritto alla NASpI si deve:

eseguire il login nell’area dei Servizi online del sito ufficiale dell’INPS;
selezionare Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito e cliccare sulla dicitura NASpI, che comparirà sulla barra di sinistra;
cliccare su Indennità di NASpI e poi su Invio domanda.
controllare propri dati anagrafici, le motivazioni del licenziamento e controllare con cura tutti i dettagli;
inviare la domanda di disoccupazione, mediante la quale verrà richiesta l’indennità.
Una procedura alternativa consente di inviare la domanda anche in un altro modo: al lavoratore che rimane senza lavoro arriva un link diretto nella propria area del sito INPS: da quella pagina potrà compilare la richiesta NASpI.

Per verificare lo stato della domanda e la decorrenza dei versamenti si utilizza sempre il portale INPS attraverso l’apposito servizio.

In ogni caso l’importo dell’indennità di disoccupazione non può superare i 1.300 euro mensili.

 

Sospensione mutuo prima casa.


 

Barbara Weisz

Sospensione mutuo prima casa, fino a 18 mesi in più anche per chi ne ha già goduto in passato, decreto attuativo in Gazzetta Ufficiale, modelli di domanda pronti.
La sospensione del mutuo prima casa prevista dal Cura Italia – con criteri più flessibili vista l’emergenza Coronavirus – si può applicare per 18 mesi anche se si è già goduto di una precedente pari dilazione, purché al momento della domanda risulti già ripreso, da almeno tre mesi, il regolare ammortamento delle rate.

Sono previsti scaglioni per coloro che chiedono l’allungamento del mutuo prima casa, dovuto a sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per almeno 30 giorni.
Le regole sono contenute nel decreto ministeriale dell’Economia del 25 marzo 2020, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 28 marzo, che attua le novità introdotte da due diversi provvedimenti contro il Coronavirus: il dl 9/2020 e il Cura Italia (dl 18/2020). Il decreto introduce condizioni migliorative rispetto alla norma originaria. Consap (concessionaria servizi assicurativi pubblici) ha già provveduto ad aggiornare i modelli di domanda di sospensione del mutuo, da presentare alla banca.

Partiamo dal Cura Italia, che con l’articolo 54 rende più flessibili le regole e allarga la platea per un periodo di tempo limitato (9 mesi dall’entrata in vigore del dl 18/2020, quindi fino al 17 dicembre 2020). Il decreto attuativo ministeriale di fatto potenzia ulteriormente la flessibilità prevista dalla norma originaria. L’articolo 5 del dm stabilisce che ai fini del rispetto del limite massimo dei 18 mesi del periodo di sospensione, non si tiene conto delle sospensioni già concesse su mutui per i quali, all’atto della presentazione dell’istanza, sia ripreso, per almeno tre mesi, il regolare ammortamento delle rate di mutuo.
Significa che in questi nove mesi del 2020, fino metà dicembre appunto, si può chiedere una sospensione per 18 mesi anche se c’erano stati precedenti allungamenti del mutuo, se le rate sono già riprese da almeno tre mesi. In pratica, quindi, c’è una deroga al tetto complessivo di 18 mesi, che si applica normalmente sommando tutti i periodi i sospensione richiesti. Quindi, anche se in precedenza erano stati chiesti periodi di sospensione del mutuo, è possibile chiedere un nuovo allungamento di 18 mesi. Limitatamente a questi nove mesi 2020, e solo se l’ammortamento era già ripreso da almeno tre mesi. Si tratta di un regola che non era prevista dal dl 18/2020, che viene di fatto introdotta dal decreto ministeriale attuativo, migliorativo quindi rispetto alla norma originaria.

in questo periodo 2020 non è necessaria la presentazione dell’Isee per ottenere la sospensione del mutuo.
La platea degli aventi diritto è allargata ad autonomi e professionisti che autocertifichino di aver registrato, in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020 ovvero nel minor lasso di tempo intercorrente tra la data della domanda e la predetta data, un calo del proprio fatturato superiore al 33% rispetto all’ultimo trimestre 2019 in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività in attuazione delle disposizioni per l’emergenza coronavirus.
Il decreto ministeriale specifica quali sono gli autonomi e i liberi professionisti interessati dalla norma:

lavoratore autonomo: soggetto la cui attività è ricompresa nell’ambito dell’art. 1 della legge 81/2017. Significa tutte le attività di lavoro autonomo esclusi gli imprenditori (anche i piccoli imprenditori).
Libero professionista: iscritto agli ordini professionali o alle associazioni professionali dell’elenco tenuto dal ministero dello Sviluppo economico ai sensi della legge 4/2013, in possesso della relativa attestazione.
Novità strutturali
Per quanto riguarda invece le novità strutturali sulla sospensione dei mutui, che sono invece previste dal dl 9/2020, articolo 26, ci sono un serie di chiarimenti applicativi. La norma, lo ricordiamo, inserisce fra gli aventi diritto i casi di sospensione dal lavoro o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno trenta giorni, anche in attesa dell’emanazione dei provvedimenti di autorizzazione dei trattamenti di sostegno del reddito. In questo caso, il dm attuativo introduce degli scaglioni, per cui la sospensione del pagamento delle rate del mutuo può essere concessa per durata massima complessiva non superiore a:

6 mesi, per sospensione o riduzione di orario del lavoro fra 30 e 150 giorni lavorativi consecutivi;
12 mesi, se la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro è compresa tra 151 e 302 giorni lavorativi consecutivi;
18 mesi, sospensione o riduzione con durata superiore a 303 giorni lavorativi consecutivi.
Sempre nei casi appena elencati, ferma restando la durata massima complessiva di 18 mesi, la sospensione può essere reiterata, anche per periodi non continuativi, entro i limiti della dotazione del Fondo. Attenzione: alla domanda bisogna allegare il provvedimento amministrativo di autorizzazione dei trattamenti di sostegno del reddito, o la richiesta del datore di lavoro di ammissione al trattamento di sostegno del reddito, o la dichiarazione del datore di lavoro, resa ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, che attesti la sospensione e/o riduzione dell’orario di lavoro per cause non riconducibili a responsabilità del lavoratore, con l’indicazione del periodo di sospensione e della percentuale di riduzione dell’orario di lavoro.

Ci sono poi novità per le banche: dallo scorso 17 marzo (giorno di entrata in vigore del Cura Italia), il fondo rimborso gli interessi compensativi, applicando il tasso di interesse contrattuale vigente al momento della presentazione della richiesta di sospensione del pagamento delle rate del mutuo. Queste modalità di calcolo si applicano alle istanze presentate dal 17 marzo e alle sospensioni già concesse per le quali il Fondo, alla data di entrata in vigore del dm ministeriale (pubblicato in Gazzetta ufficiale il 28 marzo 2020), non abbia ancora liquidato l’importo dovuto. La sospensione del pagamento delle rate del mutuo non comporta l’applicazione di alcuna commissione o spesa di istruttoria ed avviene senza richiesta di garanzie aggiuntive.

 

INPS : dal primo aprile online le procedura per la domanda di indennità 600 euro.


INPS : dal primo aprile online le procedura per la domanda di indennità 600 euro rivolta a Partite IVA, autonomi, collaboratori, stagionali turismo e  spettacolo.
l’INPS annuncia che le procedure di domanda saranno online a partire dal primo aprile.

Si tratta delle  indennità del dl 18/2020 per l’emergenza Coronavirus. Sono esentasse, non si possono cumulare, non spettano ai pensionati e a chi percepisce già il reddito di cittadinanza. Ci sono  regole diverse per le varie tipologie.

La domanda si presenta in via telematica all’INPS, le procedure saranno attive dal prossimo primo aprile . Possono accedere tutti coloro che hanno già le credenziali per l’area autenticata del portale.Per chi ne fosse sprovvisto è  prevista una procedura semplificata per ottenere il PIN, che è utilizzabile per presentare la domanda di indennizzo da 600 euro. E’ anche possibile presentare la domanda rivolgendosi ai patronati.
Autonomi e Partite IVA, 600 euro senza limiti? Dubbi ed esclusioni:

Molto in intesi, ricordiamo le regole principali per le diverse categorie di aventi diritto:
Titolari di partita IVA già attiva al 23 febbraio 2020 iscritti alla Gestione separata e collaboratori coordinati e continuativi attivi alla predetta data e iscritti alla Gestione separata (articolo 27, dl 18/2020). N.B. Sono esclusi i titolari di partita IVA iscritti agli ordini, per i quali interviene un altro indennizzo, attivato tramite il Fondo di ultima istanza (sempre di importo pari a 600 euro ma con regole diverse).
Lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Assicurazione generale obbligatoria: sono i lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali di artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri. Qui c’è una precisazione importante per gli agenti di commercio Enasarco: il Ministero delle Finanze ha specificato che, pur essendo iscritti anche a un’altra forma di previdenza (integrativa in questo caso rispetto all’INPS), hanno diritto all’indennizzo.
Stagionali dei settori del turismo e degli stabilimenti termali: devono aver cessato il rapporto di lavoro dal primo gennaio 2019 al 17 marzo 2020: articolo 30, dl 18/2020.
Lavoratori agricoli: operai agricoli a tempo determinato con almeno 50 giornate di effettivo lavoro agricolo dipendente nel 2019 e non titolari di pensione (articolo 30, dl 18/2020).
Lavoratori dello spettacolo: iscritti al Fondo pensioni dello spettacolo, con almeno 30 contributi giornalieri versati nell’anno 2019 al medesimo Fondo e che abbiano prodotto nel medesimo anno un reddito non superiore a 50mila euro (articolo 38 dl Cura Italia).

 

Requisiti Isopensione 2020.


Barbara Weisz

Requisiti pensione 2019-2020: scatti ed esenzioni.
Diritto ad andare in pensione con le nuove regole.
L’articolo 15 del dl 4/2019 prevede la possibilità fino al 2026 di andare in pensione anticipata senza applicare gli scatti per le aspettative di vita applicando una finestra trimestrale.Non ci sono disposizioni aggiuntive che escludono da questa regola i lavoratori che si sono ritirati con l’isopensione (che, lo ricordiamo, è una forma di esodo anticipato dal lavoro per raggiungere l’età pensionabile).

Nè si trova, nelle regole relative all’applicazione dell’isopensione (prevista dall’articolo 4 del dl 92/2012), norme che bloccano il requisito pensionistico ai lavoratori che hanno utilizzato questo scivolo.

Quindi, a mio avviso, si applica la seguente regola: si può andare in pensione anticipata con 42 anni e 10 mesi di contributi (è il requisito per gli uomini, per le donne un anno di meno, quindi 41 anni e 10 mesi), senza applicare gli scatti alle speranze di vita (bloccati fino al 2026).

Per la decorrenza della pensione, però, bisogna attendere la finestra trimestrale.

Ci potrebbe essere un problema interpretativo relativo al diritto, nei tre mesi di finestra mobile, di ricevere la prestazione da parte del datore di lavoro (perché la legge sull’isopensione prevede che quest’ultimo paghi una prestazione al lavoratore fino alla maturazione dl diritto a pensione). Quindi, esiste la possibilità che nei tre mesi di finestra mobile che è stata introdotta dalla legge 4/2019 il lavoratore resti senza copertura.

Su questo sarebbe probabilmente necessari chiarimenti specifici da parte dell’INPS. In ogni caso, la ratio della norma relativa all’isopensione è quella di accompagnare il lavoratore alla pensione tutelandolo con una specifica prestazione previdenziale. Quindi, l’interpretazione più corretta imporrebbe di proseguire il versamento del trattamento di isopensione (che è finanziato dall’ex datore di lavoro) per i tre mesi della finestra mobile.

 

Nuovi requisiti per la pensione nel 2020


Età pensionabile e anzianità contributiva restano invariate fino al 2022: l’INPS recepisce il decreto ministeriale del novembre scorso.

Requisiti pensione

L’età per la pensione di vecchiaia resta a 67 anni fino al 31 dicembre 2022, dopo il requisito sarà da adeguare alla speranza di vita.

Il requisito per accedere alla pensione anticipata resta a 42 anni e dieci mesi per gli uomini e 41 anni e dieci mesi per le donne fino al 2026.

Sempre fino al 2026 il requisito per la pensione precoci a rimane a 41 anni di contributi (per questa tipologia di pensione bisogna avere almeno un anno di contributi versati entro il compimento del 19° anno di età).

Per coloro che ancora possono ritirarsi con la pensione di anzianità ed il sistema delle quote i requisiti restano: 35 anni di contributi, 62 anni di età e il raggiungimento di quota 98 (somma di contributi ed età anagrafica) per i lavoratori dipendenti. Gli autonomi, che quindi devono avere 63 anni di età e raggiungere quota 99.

La circolare INPS specifica infine tutti i casi particolari (lavoratori delle forze armate, sport e spettacolo, cumulo contributi) in cui si applicano regole proprie.

 

Nuovi Valori delle contribuzioni e dei minimali per il 2020-Circolare numero 9 del 29-01-2020


Direzione Centrale Entrate Roma, 29/01/2020 Circolare n. 9 Ai Dirigenti centrali e territoriali Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e    territoriali delle Aree dei professionisti Al Coordinatore generale, ai coordinatori    centrali e ai responsabili territoriali    dell’Area medico legale E, per conoscenza, Al Presidente Al Presidente e ai Componenti del Consiglio di Indirizzo    di Vigilanza Al Presidente e ai Componenti del Collegio dei Sindaci Al Magistrato della Corte dei Conti delegato    all’esercizio del controllo Ai Presidenti dei Comitati amministratori    di fondi, gestioni e casse Al Presidente della Commissione centrale    per l’accertamento e la riscossione    dei contributi agricoli unificati

Sorgente: Circolare numero 9 del 29-01-2020

Pensione, in Italia i requisiti più severi d’Europa – PMI.it


Le più alte.Grecia e Italia: requisito anagrafico più alto d’Europa, a 67 anni.Irlanda: età pensionabile 66 anni.Germania: in pensione a 65 anni e 9 mesi; scatto di un mese l’anno per i prossimi tre, dal 2024 di due l’anno fino a raggiungere quota 67 anni; allo studio riforma per arrivare a 69 anni.Spagna: età pensionabile 65 anni e 8 mesi, in salita progressiva fino a 67 anni nel 2027; pensione anticipata con assegno ridotto.Gran Bretagna: età pensionabile 65 anni e 6 mesi, 66 anni dall’ottobre 2020, 67 anni fra il 2026 e il 2028.Francia: 62 anni.


 

Cessazioni dal servizio del personale scolastico dal 1° settembre 2020. Trattamento di quiescenza e di previdenza. Indicazioni operative.


Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Viale Trastevere 76/A -00153 ROMA – Codice Ipa:m_pi
1
Agli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI
Al Dipartimento Istruzione
della Provincia Autonoma di
TRENTO
Alla Sovrintendenza Scolastica
della Provincia Autonoma di
BOLZANO
All’Intendenza Scolastica
perla Scuola in Lingua Tedesca
BOLZANO
All’Intendenza Scolastica per
le Scuole delle Località Ladine
BOLZANO
Alla Regione Autonoma della Valle d’Aosta
Ass. Istruzione e Cultura
Direzione Personale Scolastico
AOSTA
Oggetto: D.M. n. 1124 del 06/12/2019 e successivo decreto in corso di emanazione.
Cessazioni dal servizio del personale scolastico dal 1° settembre 2020. Trattamento di quiescenza e
di previdenza. Indicazioni operative.
Con la presente circolare, condivisa con l’Inps, si forniscono le indicazioni operative per
l’attuazione del D.M. n. 1124 del 06/12/2019, in oggetto e successivo decreto in corso di
emanazione recante disposizioni per le cessazioni dal servizio dal 1° settembre 2020.
I requisiti contributivi ed anagrafici vigenti alla data di pubblicazione della presente
circolare e riferiti all’anno 2020 per coloro che si trovano in un sistema “misto” di calcolo della
pensione, sono riportati nell’allegata tabella.
Cessazione Dirigenti Scolastici dal 1° settembre 2020
Il termine per la presentazione della domanda di cessazione dal servizio dei dirigenti
scolastici è fissato al 28 febbraio dall’art. 12 del C.C.N.L. per l’Area V della dirigenza sottoscritto il
15 luglio 2010.
Il dirigente scolastico che presenti comunicazione di recesso dal rapporto di lavoro oltre il
termine di cui sopra non potrà usufruire delle particolari disposizioni che regolano le cessazioni del
personale del comparto scuola.
Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Viale Trastevere 76/A -00153 ROMA – Codice Ipa:m_pi
2
Cessazioni dal servizio personale docente, educativo ed A.T.A.
Il predetto Decreto Ministeriale fissa, all’articolo 1, il termine finale del 30 dicembre 2019
per la presentazione, da parte di tutto il personale del comparto scuola, delle domande di cessazione
per dimissioni volontarie dal servizio o delle istanze di permanenza in servizio ai sensi dell’articolo
1, comma 257, della legge 28 dicembre 2015, n. 208 e successive modifiche e integrazioni, ovvero
per raggiugere il minimo contributivo. Tutte le predette domande valgono, per gli effetti, dal 1°
settembre 2020.
Sempre entro la data di cui sopra gli interessati hanno la facoltà di revocare le suddette
istanze, ritirando, tramite POLIS, la domanda di cessazione precedentemente inoltrata.
Il termine del 30 dicembre 2019 deve essere osservato anche da coloro che, avendo i
requisiti per la pensione anticipata (41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli
uomini) e non avendo ancora compiuto il 65° anno di età, chiedono la trasformazione del rapporto
di lavoro a tempo parziale con contestuale attribuzione del trattamento pensionistico, purché
ricorrano le condizioni previste dal decreto 29 luglio 1997, n. 331 del Ministro per la Funzione
Pubblica.
La richiesta potrà essere formulata avvalendosi di due istanze Polis che saranno attive
contemporaneamente. La prima conterrà le tipologie con le domande di cessazione consuete1, la
seconda conterrà, esclusivamente, le istanze formulate ai sensi dell’art. 14 del D.L. 28 gennaio 2019
n. 4 convertito con modificazioni dalla L. 28 marzo 2019, n. 26 per la maturazione del requisito alla
pensione “quota cento”. In presenza di entrambe le istanze, la domanda di cessazione formulata per
la pensione cd. quota cento verrà considerata in subordine alla prima istanza.
Nella richiesta gli interessati devono anche esprimere l’opzione per la cessazione dal
servizio, ovvero per la permanenza a tempo pieno, nel caso fossero accertate circostanze ostative
alla concessione del part-time (superamento del limite percentuale stabilito o situazioni di esubero
nel profilo o classe di concorso di appartenenza).
Presentazione delle istanze
Le domande di cessazione dal servizio e le revoche delle stesse devono essere presentate con
le seguenti modalità:
– 1 Domanda di cessazione con riconoscimento dei requisiti maturati entro 31 dicembre 2020 (Art. 24, commi 6,
7 e 10 del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201 convertito in Legge n.214/2011 – Art. 15 Decreto-Legge 28
gennaio 2019 n. 4 convertito con modificazioni dalla Legge 28 marzo 2019, n. 26 – Art.. 1 comma 147 e
seguenti della Legge 27 dicembre 2017 n.205
– Domanda di cessazione con riconoscimento dei requisiti maturati entro il 31 dicembre 2018 (opzione per il
trattamento contributivo ex art. 1, comma 9 della legge 243/2004 e Art.16 Decreto-Legge 28 gennaio 2019 n.
4 convertito con modificazioni dalla L. 28 marzo 2019, n. 26 – opzione donna)
– Domanda di cessazione dal servizio in assenza delle condizioni per la maturazione del diritto a pensione
– Domanda di cessazione dal servizio del personale già trattenuto in servizio negli anni precedenti
Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Viale Trastevere 76/A -00153 ROMA – Codice Ipa:m_pi
3
 I Dirigenti Scolastici, il personale docente, educativo ed A.T.A. di ruolo, ivi
compresi gli insegnanti di religione utilizza, esclusivamente, la procedura web POLIS
“istanze on line”, relativa alle domande di cessazione, disponibile sul sito internet del
Ministero (www.istruzione.it). Al personale in servizio all’estero è consentito presentare
l’istanza anche con modalità cartacea.
 il personale delle province di Trento, Bolzano ed Aosta, presenta le domande in
formato cartaceo direttamente alla sede scolastica di servizio/titolarità, che provvederà ad
inoltrarle ai competenti Uffici territoriali.
Le domande di trattenimento in servizio ai sensi dell’articolo 1, comma 257, della legge 28
dicembre 2015, n. 208 modificato dall’art. 1 comma 630 della legge 27.12. 2017 n. 205, ovvero per
raggiungere il minimo contributivo continuano ad essere presentate in forma cartacea entro il
termine del 30 dicembre 2019.
Si chiarisce che la presentazione dell’istanza nei termini e nelle modalità sopra descritte è
propedeutica al collocamento a riposo, pertanto non potranno essere disposte cessazioni dal servizio
per le domande presentate successivamente al 30 dicembre 2019.
Gestione delle istanze
Si rende necessaria l’emissione di un provvedimento formale nel caso in cui le autorità
competenti abbiano comunicato agli interessati, entro 30 giorni dalla scadenza prevista, l’eventuale
rifiuto o ritardo nell’accoglimento della domanda di dimissioni per provvedimento disciplinare in
corso, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 55 bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165,
introdotto ex novo dall’articolo 69 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150.
L’accertamento del diritto al trattamento pensionistico sarà effettuato da parte delle sedi
competenti dell’INPS sulla base dei dati presenti sul conto assicurativo individuale e della tipologia
di pensione indicata nelle istanze di cessazione, dandone periodico riscontro al MIUR, per la
successiva comunicazione al personale, entro il termine ultimo del 29 maggio 2020. Qualora
vengano presentate dagli interessati entrambe le istanze, Inps valuterà il diritto a pensione per tutte
le fattispecie richieste.
Il rispetto di tale termine presuppone la sistemazione preventiva dei conti assicurativi dei
dipendenti, anche con l’intervento del datore di lavoro.
Pertanto, gli Ambiti provinciali o le Istituzioni scolastiche provvederanno all’esatta
ricognizione delle domande di Ricongiunzione, Riscatti, Computo, nonché dei relativi allegati,
prodotte entro il 31 agosto 2000 e non ancora definite, con riferimento a coloro che cesseranno dal
servizio con decorrenza dal 1 settembre 2020. Tale attività è necessaria e propedeutica al
completamento della posizione assicurativa finalizzata alla certificazione, da parte dell’Inps, del
diritto a pensione.
Gli Ambiti territoriali provinciali del MIUR o le Istituzioni scolastiche dovranno utilizzare,
l’applicativo nuova Passweb, che è lo strumento di scambio di dati fra l’Istituto e le pubbliche
amministrazioni.
Si precisa che le posizioni relative ai pensionandi dovranno essere progressivamente
sistemate entro la data ultima del 14 febbraio 2020.
Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Viale Trastevere 76/A -00153 ROMA – Codice Ipa:m_pi
4
Soltanto qualora l’Ambito territoriale/Istituzione scolastica non sia ancora in grado di
utilizzare l’applicativo nuova Passweb, al fine di salvaguardare il diritto dei pensionandi ad
ottenere, nei termini previsti, la certificazione del diritto a pensione ed evitare ritardi
nell’erogazione della prestazione, gli Ambiti territoriali/le Istituzioni scolastiche dovranno
aggiornare, con cadenza settimanale, entro il 14 febbraio 2020, i dati sul sistema SIDI in modo da
consentire alle sedi INPS di consultare ed utilizzare le informazioni, anche con riferimento ai
periodi pre–ruolo ante 1988 con ritenuta in Conto Entrate Tesoro. Tali informazioni, disponibili su
SIDI, potranno essere inviate dal MIUR all’INPS con flussi massivi periodici al fine di renderli
disponibili in consultazione agli operatori INPS che valuteranno il loro utilizzo e caricamento in
nuova Passweb con le funzioni preposte.
Inoltre, gli Ambiti territoriali provinciali del MIUR dovranno definire, con la massima
sollecitudine, i provvedimenti cd “ante subentro”, inviandoli alle sedi Inps, in formato cartaceo o
PEC, con cadenza settimanale, entro il termine ultimo del 14 febbraio 2020, per consentire agli
operatori Inps l’acquisizione sulla posizione assicurativa dei periodi riconosciuti, nel rispetto della
tempistica concordata del 29 maggio 2020 per l’accertamento del diritto al trattamento
pensionistico.
Considerate le scadenze previste per la definizione delle domande di natura pensionistica
giacenti presso gli uffici MIUR e per l’aggiornamento degli stati matricolari con riferimento al
personale scolastico interessato dal pensionamento nel 2020, si invitano i destinatari della presente
circolare a porre in essere ogni misura, anche di carattere organizzativo, al fine di garantire il
massimo rispetto dei tempi indicati.
In caso di mancato rispetto di tale tempistica, l’Inps non potrà effettuare i propri
adempimenti, entro il termine concordato del 29 maggio 2020.
Il MIUR e l’INPS verificheranno l’andamento delle attività delle rispettive strutture
territoriali, scambiandosi dati e informazioni, per concertare azioni correttive in itinere e individuare
le situazioni di criticità.
Le cessazioni devono essere convalidate al SIDI con l’apposita funzione solo dopo
l’accertamento del diritto a pensione da parte dell’INPS.
Potranno operare le segreterie scolastiche o gli Uffici scolastici territoriali, secondo
l’organizzazione adottata dai singoli Uffici Scolastici Regionali.
Nella domanda di cessazione gli interessati devono dichiarare espressamente la volontà di
cessare comunque o di permanere in servizio una volta che sia stata accertata la eventuale mancanza
dei requisiti.
Le domande di pensione devono essere inviate direttamente all’Ente Previdenziale,
esclusivamente attraverso le seguenti modalità:
1) presentazione della domanda on-line accedendo al sito dell’Istituto, previa
registrazione;
2) presentazione della domanda tramite Contact Center Integrato (n. 803164);
3) presentazione telematica della domanda attraverso l’assistenza gratuita del Patronato.
Tali modalità saranno le uniche ritenute valide ai fini dell’accesso alla prestazione
pensionistica. Si evidenzia che la domanda presentata in forma diversa da quella telematica non sarà
procedibile fino a quando il richiedente non provveda a trasmetterla con le modalità sopra indicate.
Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Viale Trastevere 76/A -00153 ROMA – Codice Ipa:m_pi
5
Applicazione dell’articolo 72 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con
modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 (Personale dirigente, docente, educativo ed
ATA).
Come è noto, il decreto legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito con modificazioni dalla
legge 11 agosto 2014, n. 114 ha abolito l’istituto del trattenimento in servizio oltre i limiti di età.
Nello specifico, la normativa sopra richiamata ha abrogato l’articolo 16 del decreto
legislativo n. 30 dicembre 1992, n. 503 e di conseguenza anche il comma 5 dell’articolo 509 del
decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297 che ad esso si richiamava.
L’articolo 1, comma 257, della legge 28 dicembre 2015, n. 208 modificato dall’art. 1
comma 630 della legge 27.12. 2017 n. 205 ha tuttavia previsto che, al fine di assicurare continuità
alle attività previste negli accordi sottoscritti con scuole o università dei Paesi stranieri, il
personale della scuola impegnato in innovativi e riconosciuti progetti didattici internazionali
svolti in lingua straniera, al raggiungimento dei requisiti per la quiescenza, possa chiedere di
essere autorizzato al trattenimento in servizio retribuito per non più di tre anni. Il
trattenimento in servizio è autorizzato, con provvedimento motivato, dal dirigente scolastico o dal
direttore generale dell’ufficio scolastico regionale, nel caso di istanza presentata dai dirigenti
scolastici.
Nulla è invece innovato rispetto al comma 3 del citato articolo 509 che disciplina i
trattenimenti in servizio per raggiungere il minimo ai fini del trattamento di pensione. Ne consegue
che nel 2020 potranno chiedere la permanenza in servizio i soli soggetti che, compiendo 67 anni di
età entro il 31 agosto 2020, non sono in possesso di 20 anni di anzianità contributiva entro tale data.
Il comma 5 dell’articolo 1, come modificato in sede di conversione, del decreto legge n.
90/2014, ha generalizzato la disciplina relativa alla risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro
contenuta nell’articolo 72, comma 11, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, prima applicabile
solo fino al 31 dicembre 2014.
Tale facoltà può essere esercitata – al compimento, entro il 31 agosto 2020, dell’anzianità
contributiva di 41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini – con preavviso di
sei mesi, quindi entro il 28 febbraio 2020 anche nei confronti del personale con qualifica
dirigenziale, con decisione motivata, esplicitando i criteri di scelta e senza pregiudizio per la
funzionale erogazione dei servizi.
Le disposizioni di cui sopra si applicano anche ai soggetti che abbiano beneficiato
dell’articolo 3, comma 57, della legge 24 dicembre 2003, n. 350, e successive modificazioni.
I periodi di riscatto, eventualmente richiesti, contribuiscono al raggiungimento dei sopra
ricordati requisiti contributivi nella sola ipotesi che siano già stati accettati i relativi provvedimenti.
Ai fini dell’applicazione dell’articolo 72, comma 11, è necessario valutare l’esistenza di una
situazione di esubero del posto, classe di concorso o profilo di appartenenza dell’interessato, sia a
livello nazionale che provinciale.
Laddove l’amministrazione non si avvalga della facoltà di risolvere unilateralmente il
rapporto di lavoro, dovrà obbligatoriamente collocare a riposo il dipendente, che abbia raggiunto i
requisiti per la pensione anticipata (di 41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli
uomini), al compimento del limite ordinamentale per la permanenza in servizio, ossia a 65 anni,
come previsto dall’articolo 2, comma 5, del decreto-legge n. 101/2013.
Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Viale Trastevere 76/A -00153 ROMA – Codice Ipa:m_pi
6
Qualora, invece, il requisito anagrafico dei 65 anni sia maturato tra settembre e dicembre
2020 la cessazione dal servizio può avvenire solo a domanda dell’interessato.
Si comunica, inoltre, che ai sensi dell’art. 1, commi da 147 a 153, della legge 27 dicembre
2017, n. 205 (legge di bilancio 2018), l’accesso, d’ufficio o a domanda, alla pensione di vecchiaia,
per il personale che rientra tra le categorie di lavoratori destinatari della suddetta norma, e che abbia
i requisiti ivi previsti, è consentito al raggiungimento di 66 anni e 7 mesi di età, purché la prevista
anzianità contributiva dei 30 anni sia maturata entro il 31 agosto (Circolare INPS n. 126 del 2019).
Per tale fattispecie, non trovano applicazione le disposizioni in materia di cumulo di cui alla
legge 24 dicembre 2012, n. 228 e successive modificazioni.
APE sociale, pensione anticipata per i lavori gravosi e per i lavoratori precoci.
Coloro che sono interessati all’accesso all’APE sociale o alla pensione anticipata per i
lavoratori precoci, potranno, una volta ottenuto il riconoscimento dall’INPS, presentare la domanda
di cessazione dal servizio con modalità cartacea sempre con effetto dal 1 settembre 2020.
Trattamenti previdenziali (Trattamento di fine servizio e di fine rapporto). Applicazione
dell’articolo 23 del decreto legge 28 gennaio 2019, n. 4, convertito dalla legge 28 marzo 2019,
n. 26 (anticipo TFS/TFR)
Come è noto, il decreto legge 28 gennaio 2019, n. 4 convertito dalla legge 28 marzo 2019,
n.26, ha introdotto all’art. 23, comma 2, la possibilità per tutti i dipendenti che risolvono il rapporto
di lavoro con diritto a pensione, di presentare alle banche o agli intermediari finanziari che
aderiscono ad un apposito accordo, una richiesta di finanziamento delle indennità di fine servizio
comunque denominate, per un importo non superiore a 45.000 euro.
L’attuazione di tale norma è stata demandata ad un D.P.C.M, in corso di perfezionamento,
che ha come obiettivo quello di procedere alla regolamentazione delle modalità di erogazione
anticipata delle prestazioni di fine servizio, e ad un Accordo quadro che dovrà definire i termini e le
modalità di adesione e le condizioni economiche delle Banche.
Pertanto, al fine di consentire alle sedi INPS di predisporre le quantificazioni delle
prestazioni finalizzate alla richiesta di anticipo del TFS e del TFR, una volta che il D.P.C.M. sarà
emanato, gli Uffici scolastici territoriali dovranno provvedere a fornire alle sedi Inps di competenza,
tempestivamente, i dati giuridici ed economici necessari per quantificare l’importo oggetto di
finanziamento.
Conseguentemente, è di fondamentale importanza che gli Uffici scolastici preposti, mediante
l’utilizzo dei canali Nuova Passweb e Flusso Uniemens, provvedano in tempo utile alla
sistemazione delle posizioni assicurative dei propri amministrati in relazione alle prestazioni di fine
servizio e di fine rapporto e inoltrino alle sedi competenti dell’Istituto le pratiche di riscatto
TFS/TFS giacenti nei fascicoli degli iscritti al fine di consentire la sollecita quantificazione
dell’importo della prestazione oggetto di anticipo.
Adempimenti amministrativi relativi alla trasmissione dei dati utili alla liquidazione dei
trattamenti di fine servizio (TFS) e dei trattamenti di fine rapporto(TFR)
Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca
Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione
Viale Trastevere 76/A -00153 ROMA – Codice Ipa:m_pi
7
Per quanto riguarda il TFS, si richiama l’attenzione degli Uffici scolastici alle indicazioni
contenute nel Messaggio Hermes n. 3400 del 20 settembre 2019.
Pertanto, a partire dalle cessazioni 2020, la modalità ordinaria di comunicazione dei dati
utili all’elaborazione del TFS dovrà essere quella telematica. Infatti, in adesione al processo di
semplificazione e dematerializzazione della comunicazione tra l’Istituto ed i datori di lavoro
pubblici che vede il superamento dell’invio cartaceo (modello PL1) dei dati giuridici ed economici
necessari all’elaborazione del trattamento di fine servizio (TFS), è stato rilasciato in esercizio un
applicativo “Comunicazione di cessazione” che sostituisce i vecchi modelli cartacei per la
comunicazione dei dati giuridici ed economici necessari alla liquidazione dei trattamenti di fine
servizio.
Con il nuovo sistema i dati giuridici ed economici necessari all’elaborazione del TFS
vengono acquisiti dalla posizione assicurativa e da ultimo miglio TFS, garantendo l’esigenza della
certificazione dei dati di posizione assicurativa ai fini previdenziali.
Per quanto riguarda la prestazione di TFR, l’Inps ha in corso un’attività di telematizzazione
dell’intero processo rivolta ad acquisire i dati giuridici ed economici degli iscritti direttamente dalla
posizione assicurativa.
Si sensibilizza già da ora gli uffici Scolastici alla compilazione del flusso Uniemens
mediante la corretta valorizzazione dei campi relativi al TFR.
Si prega di dare la più ampia e tempestiva diffusione della presente circolare diramata
d’intesa con l’INPS.
Si ringrazia per la collaborazione.
IL CAPO DIPARTIMENTO
Carmela Palumbo

La Isopensione


I lavoratori di imprese con almeno 15 dipendenti possono chiedere la isopensione per ritirarsi in anticipo, a sette anni dalla pensione, dal 2021 a quattro.

La possibilità per i lavoratori vicini alla pensione di ritirarsi in anticipo tramite un accordo aziendale – la cosiddetta isopensione – è attivabile da coloro a cui mancano sette anni all’età per la pensione di vecchiaia fino al 2020: dal prossimo anno tornerà in vigore la precedente formulazione (quattro anni di possibile anticipo).
I dettagli normativi sono contenuti nel comma 160 della manovra economica 2018 (legge 205/2017).

Isopensione 2020
La misura è utilizzabile nelle aziende con almeno 15 dipendenti, previo accordo fra datore di lavoro e organizzazione sindacali. Si tratta di una sorta di incentivo all’esodo per i lavoratori più anziani, che nella formulazione applicabile nel triennio 2018-2020 sono quelli a cui mancano al massimo sette anni alla pensione di vecchiaia. Quindi:nel 2020 il requisito per la pensione di vecchiaia sale a 67 anni. Quindi, ci vogliono 61 anni per accedere all’isopensione.

Il meccanismo è il seguente: il dipendente smette di lavorare, ma il datore di lavoro continua a pagargli una prestazione di importo pari al trattamento di pensione che spetterebbe in base alle regole vigenti, versando i relativi contributi all’INPS. IN questo modo, il dipendente maturerà la pensione piena, pur smettendo di lavorare in anticipo.

Ci vuole specifica procedura di accordo sindacale, in seguito alla quale il datore di lavoro invia la domanda all’INPS, unitamente a una fideiussione bancaria a garanzia della solvibilità per gli anni di incentivo. E’ l’INPS a erogare poi la prestazione al lavoratore, pur essendo questa finanziata dal datore di lavoro.

Attenzione: la isopensione è misura diversa dall’APe aziendale (prorogata solo fino al 2019 e dunque non più applicabile), che prevedeva il pagamento, da parte dell’impresa, di un importo pari ai contributi che mancano al raggiungimento della pensione, in modo tale che alla fine l’assegno maturato dal lavoratore sarà pieno.

L’anticipo pensionistico, lo ricordiamo, prevede che il lavoratore percepisce una somma per il periodo che manca alla pensione di vecchiaia (da un massimo di sei mesi a un massimo di tre ani e sette mesi), che poi restituirà quando maturerà la pensione in rate ventennali. L’APe è versato dall’INPS ma è finanziato dal sistema bancario.